Stefano Pioli, allenatore del Milan, risponde così a Rai Sport dopo il pareggio contro la Juventus in Coppa Italia:



"Avevo chiesto di uscire dal campo senza rimpianti. I miei giocatori hanno dato l'anima, non abbiamo alcun rimpianto, i tifosi del Milan possono essere orgogliosi. Meritavamo un risultato diverso e ci proveremo al ritorno".

RIGORE - Pioli si sfoga poi sul rigore: "C'era anche un fallo su Ibrahimovic prima, non fischiato proprio all'inizio dell'azione. Il rigore è simile a quello di Cerri e mi sono arrabbiato perché è identico, non c'era. Calabria è di spalle, non vede il pallone e questo non è mai rigore per il mio modo di vedere. Lo disse Rizzoli in quel Cagliari-Brescia per Cerri, non doveva essere rigore quello e non lo è quello di Calabria questa sera: non poteva tagliarsi le braccia. E' stato colpito prima che ricadesse dall'aria durante il salto...".

REGOLE - "Sono confuso perché non capisco quali siano le regole. Non si capisce quando si fischia il rigore e quando no, per me è impossibile che Calabria scompaia in quel momento".

REBIC - "Ora è in condizione psico-fisica eccezionale, dopo la sosta si è ripreso bene e sta diventando un giocatore molto importante per noi".