Gentile Avv. Cataliotti,

mio figlio è stato sequestrato calcisticamente dalla società dove oggi milita da alcuni mesi. Ci hanno fatto firmare un tesseramento c.d. pluriennale che lo vincola fino al 25° anno di età, ma questo lo abbiamo saputo a firme fatte. Nell'ufficio del responsabile del settore giovanile le cose erano state spiegate diversamente. Ora il ragazzo, dopo pochi mesi, già lamenta di non trovarsi bene e di voler cambiare aria. Ma come facciamo a svincolarlo? E' mai possibile che una società sequestri, calcisticamente parlando, un calciatore fino ai 25 anni? Perché i dirigenti non sono più chiari con noi genitori? E' un problema diffuso, quello della mancanza di comunicazione tra genitori di calciatori e dirigenti delle società! Ing. Learco F. di Frosinone


Gentile Learco,

Lei non è il primo genitore che si lamenta del vincolo pluriennale. Partiamo da un dato di fatt
o. Sulla questione del vincolo fino a 25 anni, la posizione dell'Associazione Calciatori, capeggiata dal Presidente Damiano Tommasi, è netta: si è, infatti, fatta promotrice della campagna per l'abolizione del vincolo stesso o almeno per una sua riduzione a 18 anni. Sul tema fu presentata, anche, una significativa interrogazione parlamentare (6 febbraio 2014) firmata da Filippo Fossati e indirizzata al Ministro Delrio. Ma, ad oggi, nessuna novità all'orizzonte. Tante lamentele da parte di calciatori e genitori che non hanno sortito alcun effetto. C'è da disperare? Trattasi davvero di un sequestro di persona fino a 25 anni? In realtà, le norme organizzative interne della FIGC offrono diversi "escamatoge" per ottenere lo svincolo prima dei 25 anni (art. 106 e ss delle NOIF). Dalla sua lettera emerge, però, un altro problema: quella della mancata e corretta informazione circa quanto stavate per firmare! Vi sareste potuti "salvare" chiedendo e ottenendo la firma e il deposito del c.d. svincolo per accordo (ex art. 108 Noif), attraverso il quale il calciatore a fine stagione poteva liberarsi del tesseramento pluriennale. Ma lo sapevate? Ve lo hanno spiegato? 

Ma ora passo la palla agli utenti di calciomercato.com: è giusto che i giovani dilettanti vengano vincolati fino al 25° anno di età? Le società non dovrebbero essere più chiare e trasparenti nella comunicazione con i loro futuri tesserati?

Per scrivere all'Avvocato Cataliotti utilizza lo spazio dedicato ai commenti, oppure vai su www.footballworkshop.it