Non basta il solito grande Chiesa per regalare alla Fiorentina la quinta vittoria in casa su cinque. E' lui l'uomo più pericoloso che si procura il rigore del vantaggio,  ia Var, trasformato da Veretout ed è lui, prima e dopo l’1-0, a sfiorare il meritatissimo gol personale. Alla fine, però, dopo 100 minuti da record, recuperi compresi, il Cagliari torna a casa con un sofferto 1-1, firmato da Pavoletti, inizialmente risparmiato da Maran dopo la sua notte in bianco in attesa di diventare papà.

APPLAUSI PER ASTORI - I primi applausi non sono per un gol, ma per ricordare Davide Astori al minuto 13, come il numero della sua maglia che aveva indossato prima a Cagliari e poi a Firenze. Un po’ per il fortissimo vento che rende difficile il controllo del pallone e molto anche per la grande concentrazione delle due squadre, la partita inizialmente è avara di emozioni. Per trovare il primo tiro nello specchio della porta bisogna attendere fino al 22' quando Cerri, che sostituisce il neo papà Pavoletti, impegna Lafont bravo a deviare il suo sinistro dal limite dell'area. E' un campanello d'allarme per la Fiorentina che appare confusa, senza idee e senza ritmo. Il tridente Chiesa-Simeone-Pjaca non è mai rifornito dai tre centrocampisti Fernandes, Veretout, Gerson, risucchiati dai loro dirimpettai Ionita, Bradaric, Barella e così Cragno, continua a fare lo spettatore. Non a caso la Fiorentina riesce a ottenere il suo primo calcio d’angolo soltanto al 32', quando il Cagliari ne ha già collezionati quattro, anche se mal sfruttati. In un primo tempo in cui vince soltanto la noia, l’unico segnale di vita dei padroni di casa arriva allo scadere quando Chiesa vola sulla destra e fa partire un gran tiro che sfiora il palo dalla parte opposta.

VAR CHIESA - Il vento, che nella ripresa le soffia alle spalle, favorisce il risveglio della Fiorentina, subito più aggressiva e pericolosa con il solito Chiesa, bravo a entrare in area ma anticipato al momento del tiro da un grande intervento di Pisacane, il miglior difensore del Cagliari. E' sempre lui il terminale offensivo di Pioli, perché Simeone che dovrebbe essere la punta centrale si allarga spesso mentre Pjaca non si vede mai. E così la terza occasione da gol per la Fiorentina capita ancora a Chiesa, che si getta sul perfetto cross di Biraghi da sinistra e colpisce di testa, mancando però la porta. La partita ormai è cambiata e la svolta, non più inattesa, arriva al quarto d'ora quando Barella tocca il piede di Chiesa in area provocando il rigore, anche se a scoppio ritardato perché l'arbitro Giacomelli, che non lo aveva concesso, si ricrede dopo aver visto il filmato, su segnalazione del suo collega Aureliano addetto al Var. Veretout spiazza Cragno ed è 1-0 per la Fiorentina.

PAPA' PAREGGIO - Sembra finita, ma il Cagliari grazie alle mosse di Maran riesce a tornare in partita. Proprio i due nuovi entrati Faragò e Pavoletti confezionano la splendida rete del pareggio, perché il primo vola sulla destra e pennella un cross che il centravanti devia alle spalle di Lafont con un tocco da grande goleador. Il modo migliore per festeggiare la nascita di Giorgino che non ha ancora conosciuto. Colpita nel suo momento migliore, la Fiorentina fatica a riprendersi e come al solito è Chiesa a procurarsi un'altra occasione sfiorando il 2-1 con un diagonale fuori di poco. Ma il Cagliari non si abbassa a difesa del pareggio e anche Joao Pedro va vicinissimo al gol, negatogli soltanto da un intervento di piede di Lafont. L'ultima grande occasione della partita, però, capita ancora a Chiesa che ha soltanto la sfortuna di trovare davanti a sé un altrettanto bravo Cragno. E così il Cagliari, che cinque mesi fa spense i sogni europei dei viola vincendo a Firenze, gioca un altro brutto scherzo alla squadra di Pioli, costretta a interrompere la serie di quattro vittorie su quattro in casa. 

IL TABELLINO

Fiorentina-Cagliari 1-1 (primo tempo 0-0)


Marcatori: 15' st Chiesa (F), 25' st Pavoletti (C)

Assist: 25' st Faragò (C)

Fiorentina (4-3-3): Lafont, Milenkovic, Pezzella, Hugo, Biraghi, Fernandes, Gerson (33' st Eysseric), Veretout, Chiesa, Pjaca (25' st Mirallas), Simeone (41' st Vlahovic). All. Pioli.

Cagliari (4-3-2-1): Cragno, Faragò, Pisacane, Ceppitelli, Padoin, Barella, Bradaric, Ionita, Castro (45' st Dessena), Pedro, Cerri (17' st Pavoletti). All. Maran.

Arbitro: Giacomelli di Trieste.

Ammoniti: 21' pt Ionita (C), 15' st Barella (C).