Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Panchina d'oro: Sarri come Inzaghino, perché sta antipatico ai suoi colleghi
Maurizio Sarri è l’allenatore meno amato dalla sua categoria e questo già lo sapevamo. Un anno fa, Allegri vinse la Panchina d’Oro davanti al collega rivale napoletano protagonista di una stagione fantastica. Ma la vinse in modo così netto che apparve chiaro il senso di scarsa considerazione (di diffidenza?) nei confronti di un allenatore arrivato dal nulla. Stavolta, nella votazione della Panchina d’Oro 2017-18, Sarri è arrivato di nuovo al secondo posto, a pari merito con Simone Inzaghi con 8 voti. Ovviamente ha vinto Allegri (con 17 voti) per la terza volta negli ultimi quattro anni. Un’altra l’aveva vinta quando era alla guida del Cagliari, nel 2008-09. In quella stagione lo scudetto andò all’Inter di Mourinho che se la prese non poco per la mancata vittoria. «Credevo che il calcio italiano fosse risultatista», disse rabbioso per la sconfitta. Lo è. Solo che lui, come Sarri, non era troppo amato dai colleghi.

Gli allenatori hanno votato con la classifica in mano. «A chi dovevo dare il mio voto se non ad Allegri?», ha detto il ct Mancini. Va bene, sia chiaro, perché noi siamo fatti così, siamo risultatisti, non filosofi dello spettacolo, pensiamo alla prosa, meno alla poesia. Allora però gli allenatori devono fare una cortesia a quei giornalisti, appassionati, osservatori esterni che basano le loro analisi solo sul risultato: non li devono più criticare. Quante volte sentiamo dire in conferenza stampa che «al di là degli episodi abbiamo fatto una buona partita»? Se contano gli episodi, le vittorie, come hanno dimostrato nella votazione della Panchina d’Oro, fermiamoci lì.Tuttavia per Sarri questo discorso vale fino a un certo punto. Lui, l’anno scorso, non ha fatto solo poesia, ma anche risultati. Ha fatto 91 punti col Napoli, record storico per il club di De Laurentiis, ma i 9 punti di distacco da Allegri sono più del doppio del distacco dalla Juventus nel campionato scorso.
Dobbiamo fare i complimenti a Simone Inzaghi («l’ho votato anch’io», ha detto Allegri, forse perché lo aveva battuto due volte su tre nella stagione scorsa), arrivato secondo a quota 8 come il tecnico di Figline, ha creato una bella Lazio che però ha lasciato all’Inter il quarto posto perdendo lo scontro diretto all’ultima giornata. Nel suo caso, per gli allenatori che lo hanno votato, contava il gioco. Nel caso di Sarri non contava né il gioco, né il risultato, ma la simpatia. Vediamo se in Inghilterra gli andrà meglio.
Alberto Polverosi

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
12/11
11
Allegri critica Cancelo: 'Se gli parli di fase difensiva...'
12/11
3
Juve, senti Allegri: 'In futuro sarebbe bello allenare all'estero'
12/11
20
Allegri sbotta in tv: 'Rosso a Benatia? Certe domande non andrebbero fatte'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.