Gabigol oggi è ancora di proprietà dell'Inter. A tutti gli effetti, nonostante sia in vacanza da settimane mentre Antonio Conte ha bocciato ogni minima possibilità di reintegrarlo in rosa già da mesi. Eppure, l'eroe della Libertadores e del Brasileirao sarà del Flamengo nei prossimi giorni dopo una trattativa estenuante, arrivata alle sue battute finali. Gabriel Barbosa doveva già essere in Brasile per visite mediche e firme da tempo, ma l'Inter non ha ancora dato il via libera perché vuole più dei 16 milioni proposti nell'ultima offerta ufficiale dal Mengao, quando ci si aspettava invece di aver già chiuso tutto. 

Ascolta "L'Inter non ha ancora venduto Gabigol" su Spreaker.

COSA SUCCEDERA' - L'idea è di strappare da qui all'inizio della prossima settimana col vicepresidente del Flamengo Braz una cifra complessiva vicina ai 18/19 milioni di euro perché Gabigol finanzierà l'operazione Eriksen, ovvero il pagamento del cartellino al Tottenham per ottenere subito il danese invece che a parametro zero nel prossimo giugno. Un retroscena che spiega l'incastro, c'è anche Gabigol dietro ai calcoli di bilancio dell'Inter che investirà subito su Eriksen. Il Flamengo è stato avvisato e rilancerà, mentre il giocatore ha provato in ogni modo a convincere l'Inter per avere una chance ma è stato rispedito al mittente. Fare cassa, ottenere una percentuale sulla futura rivendita (tra il 10 e il 20%) ed evitare una minusvalenza... prendendo poi Eriksen: tra Gabigol e l'Inter finirà così.