Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

PIT STOP: ha senso che il 40enne Rossi chieda la rifondazione in Yamaha? FOTO
Valentino Rossi vuole una rifondazione totale in casa Yamaha. Per il Dottore la moto non è competitiva e, guardando i risultati, non si può di certo dire che non abbia ragione. Rimane da chiedersi, però, se ha senso che a chiedere una rifondazione totale sia un pilota 40enne, il quale palesemente fa fatica a stare al passo con colleghi più giovani.

VALENTINO ROSSI NON SI FERMA PIU’- C’è chi vince e continua a vincere, vedi Marquez; chi fa quel che può risultando comunque molto competitivo, leggi Andrea Dovizioso. E poi c’è lui, il Dottore. I numeri della Yamaha sono impietosi: 23 Gran Premi senza vittorie, record negativo assoluto per la casa giapponese in MotoGP. Un bottino, a meno di scenari differenti, destinato ad aumentare. Il weekend di Aragon ha visto Rossi chiudere ottavo e Viñales addirittura decimo, lontani oltre 15 secondi dal vincitore Marc Marquez. Una crisi pazzesca, per una moto che viene battuta anche da Suzuki e Aprilia, diventando il quinto costruttore all'arrivo.
E’ ORA DI CAMBIARE - Con Valentino Rossi la casa di Iwata aveva aperto un ciclo nel 2004, al termine di diverse annate negative: “Ci sono delle similitudini col 2004 - ricorda ancora Rossi - li presero il pilota più veloce, cioè me, ma non fu solo quello. Masao Furusawa mise in piedi un programma per cambiare il reparto corse, ci furono cambiamenti importanti e per uscire fuori da questa situazione bisognerebbe fare la stessa cosa. Non credo che il problema ora siano i piloti, io e Vinales siamo forti, ma rimane da fare il resto”. Quindi, secondo Rossi, da cambiare non sono i piloti ma serve una vera e propria rifondazione. Sì, ma cosa manca? L’elettronica non competitiva? La mentalità della squadra? O tutti e due? Fa specie notare, comunque, come un 40enne ultra campione debba cercare di dare la scossa ad un’azienda che appare immobile, che ad ogni test ha sempre la stessa moto da un anno a questa parte. Pare avere più voglia e stimoli lui della stessa azienda asiatica.
Luca Talotta

Leggi anche...
22/09
2
di Luca Talotta
PIT STOP: torna la Lancia Delta! E costa 300mila euro FOTOGALLERY
18/09
di Luca Talotta
PIT STOP: addio caro, vecchio Maggiolino! Fine di un mito FOTO
14/09
di Luca Talotta
PIT STOP, ecco quanto costa la Aston Martin di James Bond FOTOGALLERY
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.