Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

PIT STOP: sognava di andare a 1500 km/h, addio al progetto FOTOGALLERY
Come riporta la BBC, nonostante i migliori sforzi della dirigenza, Bloodhound Program Ltd. non è riuscita a trovare i 33 milioni di dollari richiesti prima della scadenza, il che ha messo fine al sogno di arrivare alla folle velocità di 1000 miglia all'ora (circs 1500 km/h) della Gran Bretagna. Andrew Sheridan, l’ad dell’azienda: “Da quando siamo entrati in amministrazione, abbiamo lavorato instancabilmente per identificare un individuo o un'organizzazione che potesse portare avanti il ​​progetto - le sue parole - nonostante l'enorme sostegno pubblico e l'impegno con una vasta gamma di investitori potenziali e credibili, non è stato possibile assicurare un acquirente per il business. Lavoreremo ora con le principali parti interessate per restituire le apparecchiature di terzi e quindi vendere le restanti attività della società per massimizzare il rendimento dei creditori”.

UN FOLLE SOGNO - Una notizia amara non solo per la Gran Bretagna, il team Bloodhound e tutti i loro sostenitori, ma anche per la scienza e tutti coloro che credevano di potersi spingere così oltre. I principali sponsor di Project Bloodhound erano Geely, Rolls-Royce PLC, Castrol e la società norvegese di difesa aerospaziale Nammo, ma oltre un centinaio di aziende hanno contribuito al sogno del record della velocità terrestre di 1000 miglia all'ora. Eppure, undici anni dopo la sua partenza, Bloodhound Program Ltd. ha chiuso i battenti.

MUORE IL PROGETTO, NON L’AZIENDA - L'amministrazione fallimentare è il Regno Unito stesso, che cercherà i aiutare l'azienda a diventare nuovamente solvibile e non a dissolverla del tutto. Mentre alcuni sostengono che il progetto potrebbe essere stato troppo lungo rispetto a progetti simili in passato, Bloodhound afferma che è stato un "grande catalizzatore di ricerca e sviluppo e il punto focale per una campagna educativa STEM che ha raggiunto oltre 2 milioni di bambini sin dal suo lancio, inclusi 120.000 scolari britannici”. Dopo undici anni, la maggior parte ha sperato di vedere il Bloodhound SSC su quella pista lunga 11 miglia e larga 0.93 miglia a Hakskeen Pan nel deserto di Capo Nord in Sudafrica
 
Luca Talotta
Leggi anche...
09/12
di Luca Talotta
PIT STOP: Nurburgring, la compilation degli incidenti più spettacolari VIDEO
05/12
1
di Luca Talotta
PIT STOP: la Ferrari gialla, erede della 360 Modena FOTOGALLERY E VIDEO
02/12
2
di Luca Talotta
PIT STOP: come funziona il cambio manuale? Ecco il modo migliore per scoprirlo VIDEO
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.