Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

PIT STOP: Tesla, Elon Musk genio al capolinea
La saga di Tesla, il produttore di auto elettriche che brucia contanti e il suo mercuriale CEO, Elon Musk, ha preso una nuova svolta potenzialmente disastrosa. Non è più il contenuto che devia le domande su imbarazzanti carenze dell'esecuzione con nuove "iniziative" assurde (come colonizzare Marte, l’Hyperloop, semi-camion elettrici, un'autostrada a sei corsie, lanciafiamme, ecc.), Elon ultimamente è diventato imprevedibile, facendo sì che investitori e media si interrogassero sulla sua salute.

ELON MUSK, GENIO AL CAPOLINEA? - Elon Musk è un genio indiscusso e un tipico CEO-fondatore. Cioè è l'inventore, il credente, il sognatore-passionale. Ma queste persone generalmente non fanno bene i compiti più banali, come in realtà si dovrebbe fare se si volesse inseguire un'operazione di successo. Ecco perché i "fondatori / sognatori" di solito devono essere spostati a un certo punto nella crescita di un’azienda.

IL CAMBIO ALLA GUIDA DI TESLA - Alla luce del confuso stato d'animo di Musk, dell'incapacità di dormire e del comportamento donchisciottesco, sarebbe prudente per il consiglio di amministrazione di Tesla considerare di elevarlo a una posizione ancora più alta. Forse "presidente onorario" o addirittura "consigliere supremo". Dargli un budget e un gruppo di ingegneri che la pensano come lui, in modo che possa eseguire i programmi "Alien Dreadnaught". Ma la guida di una società automobilistica va affidata a un professionista del settore automobilistico di successo. Con potenziali multe e cause legali che potrebbero sommarsi a innumerevoli dollari già spesi, la sopravvivenza di Tesla è a rischio. Indipendentemente dal fatto che i membri del consiglio si fidino o no di Musk, o sentano un legame familiare, o siano grati per ciò che ha raggiunto, il loro dovere fiduciario, radicato nelle leggi del governo societario, richiede che proteggano l'ampia base azionaria. I board aziendali non sono lì per sostenere e supportare i CEO. Il loro dovere è verso gli investitori, grandi e piccoli. 
 
Leggi anche...
28/08
1
di Luca Talotta
PIT STOP: tra calcio e motori, dove correrà Alonso nel 2019? FOTOGALLERY
26/08
di Luca Talotta
PIT STOP: doppietta Ferrari a Le Mans, la vendita è milionaria FOTOGALLERY
24/08
9
di Luca Talotta
PIT STOP: 1996, la più bella corsa di Michael Schumacher FOTO E VIDEO
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.