Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Prezzi da teatro, stadi da schifo, nazione immobile. O... viceversa?
Sere fa, stadio Olimpico in Roma. Intervallo tra primo e secondo tempo di Roma-Real Madrid, occhio ai tabelloni dove si possono vedere i risultati e le immagini, azioni e gol, delle altre partite del turno di Champions. Si possono vedere è parola grossa...quel che viene proiettato sui maxi tabelloni è qualcosa di super sfocato e molto faticosamente percepibile all'occhio umano. Pazienza, un attimo e qualcuno metterà a fuoco, girerà la rotellina o il cursore o interruttore o quel che sia e così darà ai 50 mila dell'Olimpico stadio stasera un servizio dovuto e decente.

Qualcuno? Chi? A chi spetta? A chi compete? Di chi la responsabilità? Chi si prende l'immane fatica? La risposta a tutte le domande suddette è la stessa: nessuno. Nessuno fa nulla, non frega niente a nessuno, nessuno trova particolarmente inconsueto che un servizio per chi va allo stadio sia un servizio di schifo. Ed è una piccola riga del più grande libro degli stadi italiani da schifo.

Gli stadi in cui regolarmente andavo negli anni '80 o giù di lì sono ancora lì. Uguali, al massimo imbellettati. Io non ci vado più, se non in rare occasioni. Li diserto, lascio perdere. Come fa il 95% della popolazione italiana e ormai la gran maggioranza della popolazione tifosa. Prezzi da teatro, di gala. Attrezzature da taverna. Servizi da stamberga. E accesso agli stadi un mix tra aeroporto inefficiente e ministero presidiato da burocrazia occhiuta.

Genova, una volta era un bello stadio. Ora è un fortino in una fossa di acqua e vento. Bologna e Firenze: stadi che sono una miscela tra archeologia industriale ed edilizia da socialismo reale. Roma, il non stadio: qui la partita da una curva all'altra porta non si vede. Si intuisce, la si legge dalle mosse della gente sull'opposto spalto. E' come stare al cinema e interpretare quel che succede dal labiale degli attori sullo schermo perché non c'è audio. Napoli, sta meglio Ercolano sepolta dal Vesuvio che il San Paolo. E non è una battuta. Milano è lo stadio meno peggio. Ma difficile arrivare, parcheggiare, scomodo il sedersi e anche qui, quanto a servizi a chi ci va, siamo sotto i livelli di ogni accettabile standard...dio non voglia ti tocchi usufruire dei bagni in uno stadio di calcio italiano. Lo stadio della Juventus l'unico più che decente. Anzi bello e nuovo. Non a caso pensato e costruito prima che maturasse e si organizzasse un popolo del "No Stadio".
Con l'eccezione di quello della Juventus il livello degli stadi di calcio italiani è...come se usassimo oggi automobili senza aria condizionata, servosterzo e con i finestrini che vanno su e giù a manovella.

Perché siamo lì e stiamo così?
Risposte da cercare fuori dagli stadi.


Prima: ci siamo narrati e ci siamo convinti e ora ci giuriamo che fare, costruire, appaltare, cantierare (la qualunque, stadi compresi) è tangente e mazzetta. Ce ne siamo convinti non senza ragione, molto molto spesso è così. Costruire è tangente e mazzetta è più la regola che l'eccezione. Ma nella (volontaria?) (congenita?) (popolare?) collettiva incapacità di costruire e fare senza mazzette e tangenti si è scelto di non fare e non costruire. E' la prima risposta al perché stadi diventati di schifo sono ancora lì.
Aggiungi: il Potere sbaglia sempre ed è sempre maligno. Quindi chi decide è cattivo.
Aggiungi: gente ha sempre ragione! Ma quello era...il cliente! La gente ha giustamente sempre l'ultima parola. Ma che abbia sempre ragione è smentito quasi in ogni capitolo di ogni libro di storia.
Aggiungi la confusione tra il corretto e sacrosanto principio per cui ogni opinione è libera e la scorretta e deleteria follia per cui ogni opinione vale uguale.
Aggiungi: i soldi ci sono, basta andarli a prendere, qualcuno li nasconde.
Aggiungi i Poteri Forti e quello più forte di tutti che la nostra società ha sviluppato: il Potere, il Poterissimo di ciascuna porzione di interessi di bloccare l'altra porzione e così via, ad agganciatissima ed immobile catena.
Aggiungi e aggiungi e avrai come risultato l'abolizione della decisione, la radiazione della competenza, la squalifica a vita della responsabilità.

Ecco perché gli stadi diventati di schifo sono ancora lì e per arrivare ai perché non l'abbiamo presa per nulla larga. Infatti: stadi da schifo in una società immobile o...viceversa?    
Mino Fuccillo

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
06/12
42
Stadio Roma, arriva la bocciatura del Politecnico!
04/12
7
Stadio Roma, ci siamo: Pallotta mette 100 milioni
04/12
2
Nedved: 'Marotta e la Juve, se viene allo Stadium da dirigente Inter...'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.