Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Radice, applausi ai funerali. Perché non siamo più capaci di restare in silenzio?
Gigi Radice, ai funerali applausi. Visti in tv gli applausi e vista in tv la gente che in ottima fede applaudiva. Ai funerali applausi. Come per chiunque muoia non nell'anonimato tenerissimo della propria famiglia. E solo della propria. Famiglia, amici e basta, allora nessuno si sogna di applaudire al funerale.

Per gli altri, per i morti che diventano morti di tutti per ciò che sono stati in vita, invece funerali con applausi. E' questo il dress code della morte pubblica.

Quando e perché abbiamo cominciato ad applaudire ai funerali, a questi funerali? Non da sempre. Qualche decennio fa non lo facevamo, nessuno la faceva e farlo ci sarebbe apparso clamorosamente, urticantemente fuori luogo. Applaudire ai funerali? Avremmo detto che quel qualcuno aveva bevuto o non ci stava con la testa.

Non da sempre, ma da qualche anno lo facciamo sempre. Perché?
Cosa applaudiamo? La morte? No di certo
. Allora la non morte, un simulacro di eternità, l'illusione irrinunciabile quanto posticcia dell'eternità? Applaudiamo la rimozione della morte dalla nostra mente che non sa più letteralmente pensarla, insomma pedestramente non la regge?

Applaudiamo noi stessi che siamo là, al funerale?
Dice: applaudiamo la vita del morto, i suoi onori e fasti in vita. Ma quello del funerale è il giorno della morte, del lutto. E allora perché nel giorno del lutto lo stesso gesto dell'atto della festa?
Già, lo stesso gesto, l'applauso, per chi se ne è andato e per chi entra in scena. Lo stesso gesto per il concorrente di turno a X Factor e la bara che esce dalla chiesa. Applausi per l'ospite che irrompe o incede per partecipare allo show e per chi è immobile dentro una cassa. Perché lo stesso gesto?

Forse perché ci piace definire la morte...come la definiamo nei racconti, notiziari e ormai anche tra la gente? La definiamo sempre o quasi assurda la morte. Assurda, quindi fuori del normale. E così, in nome di un regolamento che non esiste, l'abbiamo espulsa la morte della partita. Abbiamo dichiarato la morte colpevole dell'imperdonabile fallo di esistere.

E quindi siamo andati in corto circuito, di gesti. Ma non solo. Applaudiamo ai funerali e non riusciamo a tenere un minuto di vero silenzio e lutto in uno stadio perché non sappiamo più commuoverci davvero, se non in rarissimi casi. Perché abbiamo scisso emozione ed empatia da silenzio e riflessione. Perché consideriamo gravità e serietà degli ingombri difficili da portare. E perché la morte è pensiero complesso e ogni pensiero complesso abbiamo preso a consideralo una tassa.

Applausi ai funerali...un applauso ci resusciterà. Che in fondo è un'idea illogica solo per il pensiero logico, quello in ritirata e sconfitta. Avanza invece il pensiero magico, quello che sta vincendo. Ovunque. Nelle cose pubbliche, nella res publica. Nelle cose private. Nella tv del pomeriggio, in quella di prima e seconda serata, sui social. E per il pensiero magico un applauso che resuscita...insomma, ci sta.
Un altro esempio di pensiero magico, stavolta leggero per finire in leggerezza dopo tanto corrucciare la mente. Italia dimezzata in Europa (da quattro a due squadre in Champions, da due ad una in Europa League). Complotto e manovra anti Italia...di Moscovici! 
 
Mino Fuccillo

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
10/12
Torino, a Monza i funerali di Radice. Cairo: 'Un grandissimo uomo'
09/12
Milan, Scaroni: 'Radice? Protagonista della prima Coppa dei Campioni italiana'
09/12
Cairo: 'Radice è stato un grande innovatore: ha un posto speciale nella storia del Torino'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.