Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Gli arbitri hanno rovinato la Var, non si capisce niente: ridateci i vecchi scandali
Siamo tra coloro che ritenevano la Var non fosse un beneficio per il calcio ma una necessità, anzi un obbligo: impossibile farne a meno. Come si può continuare ad accettare che tutto lo stadio sappia se un giocatore era in fuorigioco o se ha toccato la palla con la mano pochi istanti dopo l'azione e solo l'arbitro ne sia all'oscuro? La Var, per noi, era diventata sinonimo di giustizia, di equità, di regolarità. Chissenefrega se dobbiamo aspettare qualche secondo o anche qualche minuto per avere certezze, basta che gli errori vengano drasticamente ridotti, quasi annullati. I vecchi scandali, gli antichi favoritismi, ci avevano nauseato, schifato, esasperato.

Dopo questa giornata di campionato - e non solo dopo questa - ci scopriamo estenuati, quasi arresi. Sì, gli arbitri hanno rovinato anche la Var. Sia chiaro, non ce l'abbiamo con questa o quella squadra, non pensiamo che la società ics abbia avuto vantaggi e quella ipsilon sia stata sfavorita. Siamo semplicemente sconcertati. Perché la verità è solo una: ormai non si capisce più niente. La difformità di giudizio è diventata la regola, anche nell'ambito della stessa partita.

Pensate a quanto è capitato in questa allucinante giornataAlla Samp è stato concesso un rigore che forse non c'era per un fallo di mano, alla Juve ne è stato assegnato uno che certamente non c'era (compensazione?) sempre per un tocco con il braccio, infine ai blucerchiati è stato annullato un gol (stavolta in modo corretto, incredibile dictu): follia generale. Un difensore del Cagliari è stato espulso, forse ingiustamente, mentre un attaccante dell'Udinese stava segnando: gol cancellato, ma a cosa serve il Var? Al Torino è stato assegnato un rigore molto molto fiscale, un intervento simile ai danni di un avversario laziale non è stato nemmeno rivisto alla moviola: perché? Due giocatori, uno per parte (Izzo e Luiz Felipe) dovevano essere espulsi e sono stati graziati: come mai? Un mani in area genoana ha scatenato le proteste della Fiorentina.
Non ci sono certezze, solo stranezze. Lo stesso episodio a volte viene visto per lunghi minuti alla moviola, altre ignorato; lo stesso fallo a volte viene sanzionato, altre trascurato. Ci viene quasi nostalgia degli scandali d'un tempo. Anche allora c'era un Grande Fratello ingiusto, ma almeno aveva le idee chiare.

@steagresti


 
Stefano Agresti

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
22/01
159
di Emanuele Tramacere
Piatek al Milan, tutte le cifre a bilancio: l'affare è sostenibile, almeno per ora
22/01
59
di Pasquale Guarro, inviato
Tonali: 'Mi ispiro a Modric, tifo Milan. Allenato da Gattuso? Sarebbe bello'
22/01
57
di Daniele Longo
MILAN, E' FATTA PER PIATEK A TITOLO DEFINITIVO: I DETTAGLI
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.