Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Roma-Inter: Zaniolo uomo partita, il Var peggiore in campo. Così non va
Roma-Inter 2-2 

IL PEGGIORE: Rocchi, Fabbri, il Var

Il protocollo del Var richiede un “chiaro errore dell’arbitro”. Probabilmente è la mancanza del superlativo assoluto a indurre Fabbri a non richiamare Rocchi davanti al video, perché la sua svista, dunque il suo errore, non è chiaro, è chiarissimo. Di più, è clamoroso. Se il Var è stato inventato per salvare le partite da certe nefandezze, allora non si capisce cosa sia successo all’Olimpico. Rocchi può anche non vedere il fallo di D’Ambrosio che aggancia Zaniolo, ma i filmati sono di una chiarezza incredibile. Il romanista ha già passato il terzino quando viene messo giù e la palla è sempre lì, a disposizione di Zaniolo. E’ la maniera più efficace per modificare il corso di una partita. E’ lo stesso errore che si raddoppia, il primo è colpa dell’occhio (e ci può stare) in
diretta, il secondo è colpa di un altro occhio, ma questo no, non ci può stare, perché è comodamente seduto davanti a un monitor e rivede da una mezza dozzina di angolazioni diverse lo stesso fallo. Che poi sia il Var a concedere alla Roma il rigore per un tocco di braccio di Brozovic non lo salva dal pesante errore precedente. Il fallo di D’Ambrosio su Zaniolo è perfino più evidente di quel tocco di Brozovic.
IL MIGLIORE: Zaniolo

Diciannove anni, trequartista, un debutto da titolare nello stadio più
ricco di storia del mondo, il Bernabeu, già convocato in Nazionale da
Mancini. Nicolò Zaniolo è il miglior giocatore di Roma-Inter, per tecnica,
intensità, personalità e incisività. Nei due casi da rigore, uno non
concesso e l’altro sì, c’è sempre lui. Ha giocato 7 partite in Serie B con
l’Entella nel 2016-17, è diventato campione d’Italia Primavera con l’Inter
senza mai sfiorare la prima squadra nella stagione scorsa, e ora diventerà
un punto fermo della Roma. Per come gioca, sembra al quarto campionato da
titolare in Serie A. Strappa, allunga, vede la porta, vede soprattutto il
compagno smarcato in area. E si fa dare la palla. Sempre. Come fosse De
Rossi. La Roma ha preso Pastore dal Psg, ma il trequartista vero è questo
ragazzino, dotato di un sinistro notevole. Se va avanti così, ne usciranno
altri di squadra, non lui.
Alberto Polverosi

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
02/12
Roma-Inter 2-2: il tabellino
02/12
Roma-Inter, le formazioni ufficiali: fuori Kluivert, riecco Joao Mario
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.