È il caso Nicolas Nkoulou a infiammare il Torino, tra la prima di campionato vinta col Sassuolo e il ritorno dei preliminari di Europa League contro il Wolverhampton. Dopo le parole di Walter Mazzarri sulla situazione, sono arrivate anche quelle del presidente dei granata Urbano Cairo, che ha contrattaccato dopo che l’allenatore aveva rivelato che Nkoulou ha fatto sapere di non voler giocare perché “distratto”. Cairo ha replicato così, senza mezzi termini: “Nkoulou non c’era con la testa e ce lo viene a dire un giorno prima della partita? Ma siamo fuori… mi ha sconvolto il suo comportamento, a saperlo avremmo preso uno o due gol in meno col Wolverhampton. Ho detto a inizio mercato che tengo tutti i giocatori e così farò, quindi Nkoulou rimane con noi. Avrà pure altre idee ma ha un contratto con noi”.

LA PENALE - Ma non è tutto, perché il presidente del Torino ha poi spiegato il clima che si è venuto a creare con la Roma dopo il passaggio del direttore sportivo Gianluca Petrachi in giallorosso. “La Roma non può contattare i nostri giocatori - ha spiegato Cairo -, c’è un impegno scritto per cui ogni contatto tra la Roma e i nostri giocatori vale una penale da 900mila euro. Quindi lo contattino pure e ci prendiamo i soldi, ci prendiamo i 900mila euro… ho ricevuto l’agente di Nkoulou a Forte dei Marmi solo 10 giorni fa, ho accettato anche di mettere una clausola rescissoria, gli avrei migliorato lo stipendio. Niente da fare, poi viene fuori con questo comportamento assurdo”. Oltre alla penale da 900mila euro, la Roma ha un accordo biennale scritto sempre col Torino per cui dopo aver preso Petrachi non può acquistare giocatori dai granata. La Roma non intende perdere tempo a trattare con Cairo che chiede 30 milioni per il centrale, per questo già da oggi riprenderanno i contatti con la Juve per Daniele Rugani.

LA SITUAZIONE - Il difensore classe 1994 dal suo canto è stato chiaro: o va alla Roma, o resta alla Juventus. Manca però l’intesa tra i due club, coi bianconeri che avevano chiesto alla Roma i due classe 2001 della Primavera Alessio Riccardi e Devid Bouah, con i giallorossi che hanno fatto muro sul secondo inserendo, insieme al centrocampista, lo sloveno classe '99 Zan Celar, attualmente in prestito al Cittadella. I due giovani baby andrebbero alla Juventus a titolo definitivo e Rugani si trasferirebbe in giallorosso in prestito con diritto o obbligo di riscatto. Juventus e Roma devono trovare un accordo sulla parte economica, l'obiettivo dell'ultima settimana di mercato è quello di stringere la forbice - ampia - che c'è tra domanda e offerta: Paratici vuole più di 20 milioni cash, indipendentemente dalla valutazione dei due giovani, i giallorossi non vogliono metterne più di 10 sul piatto. Si continua a trattare, le alternative per la Roma restano Verissimo del Santos, Dejan Lovren del Liverpool e Shkodran Mustafi.