Scontri e momenti di tensioni prima di Lazio-Atalanta, finale di Coppa Italia, in programma all'Olimpico di Roma per le 20.45. Caos e tafferugli tra ultrà e polizia, con un'auto della polizia municipale saltata in aria e andata a fuoco in zona ponte Milvio. Gli scontri si sono svolti anche oltre le aree bloccate al traffico. Inoltre vengono segnalate alcune cariche di alleggerimento, ma la situazione non è semplice. Lacrimogeni e idranti, questo ha utilizzato la polizia per disperdere i gruppi di ultras laziali, i quali hanno riposto con il lancio sampietrini e bottiglie di birra.

TRE AUTO IN FIAMME - Non solo una, ma ben tre le auto della polizia municipale che sono andate in fiamme. 200 gli ultras della Lazio, che si sono concentrati tra via De Robilant e piazza Lauro De Bosis. Come riporta il Messaggero, sono state lanciate circa 30 bombe carta e ci sono due vigili che sono rimasti feriti. ​ CONTROLLI PRELIMINARI - Nel corso dei controlli preliminari predisposti dalla Questura di Roma, invece, è stata fermata un'auto dagli agenti della Polizia di Stato, nei pressi della sede degli Irriducibili della Lazio: controllato, dentro l'autoveicolo gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato 78 torce manna, 45 rambo k33, 16 monocolpi pirotecnici, una batteria pirotecnica da 100 colpi, un paio di forbici, una lama portatile occultabile ed un pezzo di legno di 45 cm. Sono state due persone, entrambe nel gruppo ultrà laziale, una delle quali aveva già un daspo.