Caos a Palermo. Il club rosanero non avrebbe presentato tutta la documentazione necessaria per l'iscrizione al prossimo campionato di Serie B entro il termine scaduto a mezzanotte.

Salvatore Tuttolomondo, direttore finanziario di Arkus Network, ha dichiarato in conferenza stampa allo stadio Barbera: "Siamo stanchi, ma non nutriamo preoccupazione per l'iscrizione al campionato. Alle 17 di ieri è stata inviata la domanda di iscrizione alla Lega. Il problema nasce da un disguido tecnologico: le fideiussioni vengono generate dal sistema in automatico, che è stato riparato stamane. Via messaggio mi è stato detto che la polizza sta arrivando via PEC a noi e alla Lega, tuttora non ci è arrivata alcuna comunicazione di segno contrario. Ieri il problema non era addebitabile al Palermo, oggi devo documentare che abbiamo adempiuto a tutti gli obblighi". ​

Lo stesso Tuttolomondo aveva spiegato nella notte: "Si è diffusa una notizia non vera. Abbiamo pagato tutte le pendenze funzionali all'iscrizione, il problema è nato non per noi. La fideiussione è stata chiesta dieci giorni fa pagando il corrispettivo, se non che alle ore 21 la compagnia Albo Ivas (compagnia estera riconosciuta in Italia) ci comunicava che sarebbe stata rilasciata in ritardo per un problema tecnologico. La Lega B è a conoscenza di tutto e presumiamo, salvo errori, che la fideiussione arriverà. La Lega di B non dovrebbe creare problemi, hanno riscontrato le nostre fondate ragioni. Posso confermare che il Palermo è regolarmente iscritto. La compagnia ha notificato alla Lega B il ritardo, per noi però non arriverebbe in ritardo perché c'è una causa di forza maggiore. La fideiussione l'abbiamo pagata già settimana scorsa. Se la compagnia certifica un ritardo non è colpa mia".  Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando commenta: "Città e tifosi hanno diritto di sapere cosa sta succedendo e ragioni di eventuale mancata iscrizione in serie B. Una situazione di confusione che speravamo di non rivivere. Ci auguriamo che la confusione non si trasformi in ennesima beffa e ennesimo danno per il calcio a Palermo". 

Intanto il Venezia, prima squadra in lista per la sostituzione, è pronto a dare battaglia legale:
saranno determinanti i pareri di Deloitte e Covisoc (3-4 luglio), poi la parola finale sarà del Consiglio federale il 12. 

In Serie C niente iscrizione al campionato per Foggia, Siracusa, Albissola, Arzachena e Lucchese: verso la riammissione Virtus Verona, Fano e Bisceglie; possibile ripescaggio per Modena, Paganese, Pro Sesto, Turris, Mantova o Taranto.