Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Si è spento Antonio, la voce amica che ci raccontava l'Europa
A Trento i suoi amici erano pronti a spostare le montagne pur di riaverlo con loro possidente e felice come sapeva essere al punto da diventare positivamente contagioso. Lo avevano anche scritto in un poster pubblico.

A Torino un’equipe del reparto di Neurochirurgia delle Molinette era pronta a partire per la Francia munita di una macchina speciale con la quale era possibile immaginare di farlo uscire dal coma dopo un’operazione “impossibile”.

L’Europa e il mondo occidentale, insieme con le preghiere a suffragio delle povere vittime assassinate dalla mano armata di un “soldato” dell’Islam radicale ne riservavano una tutta per lui invocando il miracolo. Non c’è stato nulla da fare. Ogni speranza si è dissolta con il silenzio successivo all’ultimo battito suo cuore che si è fermato irreversibilmente e al definitivo respiro inconsapevole uscito dalla bocca di un corpo ormai inutile.

Così se n'è andato Antonio Megalizzi, nella camera asettica di un ospedale di Strasburgo, dove era stato ricoverato dopo l’attentato subito nei pressi del mercatino di Natale allestito in città vicino al Palazzo dell’Europa.
Ventotto anni, un giovane collega appassionato della vita ma soprattutto di questa nostra professione da affabulatori talvolta un po’ detective che viene disprezzata da chi non capisce che senza le “voci” dei cronisti non esisterebbe società civile e democratica. La sua era una di quelle. La si poteva ascoltare ogni giorno sulle onde di Europhonica, l’emittente per la quale il giovane laureato in scienze internazionali lavorava come volontario e con assoluta passione per riferire fatti e misfatti della nostra Europa in uno dei momenti più cruciali della storia.

Il farabutto assassino lo ha “freddato” per strada proprio mentre Antonio, in compagnia di due colleghe de La Repubblica scampate all’attentato, era appena uscito dal Parlamento da dove aveva trasmesso un’intervista. La sua ultima intervista. La pallottola, conficcata alla base del suo cranio a appena sopra la colonna cervicale, non poteva essere rimossa. Così si attendeva il miracolo che non c’è stato.

Antonio Megalizzi, con la sua scomparsa, provvede ad allungare tragicamente la lista dei giornalisti morti sul campo non per mano del destino ma di un’umanità drogata da mille veleni di ogni tipo. Il suo volto non comparirà sulla copertina del “Time” dedicata a queste vittime soltanto perché è è uscita tre giorni fa, ma è come se ci fosse. Non era un “volto noto” ma una voce amica. Quella che ora non sentiremo più e che mancherà anche alla “sua” Juventus per la quale Antonio faceva il tifo. Con stile. Senza mai urlare.

@matattachia
Marco Bernardini

Le più commentate
18/01
2
di Marcello Chirico
#JuveOut, vogliono un'altra Farsopoli! Ma è dura, col Milan c'erano due rigori
18/01
2
di Fabrizio Romano
ESCLUSIVO!
Piatek al Milan, accordo pronto a titolo definitivo: la cifra finale e cosa manca
18/01
2
di Alessandro Di Gioia
ESCLUSIVO!
BARELLA ALL'INTER: CI SIAMO! L'incontro e le cifre, ecco la verità
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.