Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Strootman, una cessione senza senso: alla Roma serviva più lui di Nzonzi
A mercato (in entrata) chiuso, la Roma ha ceduto Strootman al Marsiglia: un'operazione che impoverisce molto il centrocampo di Di Francesco. L'olandese, infatti, era un giocatore unico in quel reparto ricco di scelte: De Rossi e Nzonzi sono indiscutibilmente simili (e potrebbero giocare assieme solo cambiando modulo, mai nel 4-3-3, perché nessuno dei due ha le caratteristiche dell'interno); Pastore e Cristante non sono uguali ma si esaltano occupando la stessa posizione, da trequartista (e anche loro è difficile che possano fare parte in contemporanea di un centrocampo a tre, altrimenti la squadra risulterebbe troppo sbilanciata). Strootman era l'uomo ideale per dare equilibrio al reparto, non a caso a Torino - avendo ampia possibilità di decisione - Di Francesco lo aveva schierato titolare accanto a De Rossi e Pastore.

Ceduto lui, rimane un solo interno in grado di equilibrare la squadra, ma con esperienza e affidabilità decisamente inferiori, cioè Lorenzo Pellegrini. Delle due l'una: o quest'ultimo sarà titolare spesso, quasi sempre, oppure Di Francesco cambierà modulo. Di sicuro le scelte di Monchi stanno orientando l'allenatore in questa direzione: l'arrivo di Nzonzi e la cessione di Strootman rendono quasi automatico il passaggio al 4-2-3-1.

Per tutto quello che abbiamo detto, non comprendiamo come mai la Roma abbia preso Nzonzi rinunciando a Strootman. Il francese era un ottimo acquisto, a patto che l'olandese rimanesse: allora davvero l'organico sarebbe stato più forte. Così, invece, a noi sembra meno completo. Inoltre Nzonzi è più vecchio (classe 88 contro classe 90) e la differenza economica tra le due operazioni è quasi nulla (26 milioni più 4 di bonus andranno al Siviglia, 25 più 3 di bonus arriveranno dal Marsiglia). Insomma: se l'arrivo di Nzonzi anticipava la partenza di Strootman, era meglio non cambiare. Ma a Monchi, a quanto pare, stare fermo non piace. Chissà perché.

@steagresti
 
Stefano Agresti

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
22/01
159
di Emanuele Tramacere
Piatek al Milan, tutte le cifre a bilancio: l'affare è sostenibile, almeno per ora
22/01
59
di Pasquale Guarro, inviato
Tonali: 'Mi ispiro a Modric, tifo Milan. Allenato da Gattuso? Sarebbe bello'
22/01
57
di Daniele Longo
MILAN, E' FATTA PER PIATEK A TITOLO DEFINITIVO: I DETTAGLI
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.