Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Totti e questa Roma sono nemici: perché non se ne va?

Francesco Totti - e chi vive Roma lo sa - non è un ex fuoriclasse, una bandiera, tanto meno un dirigente: è la Roma. La sente come una cosa sua, e i tifosi lo sentono come una cosa loro, perché è stato questo club in tutto e per tutto: il capitano, il simbolo, il campione, spesso anche la società, perché quando non c’era nessuno con le spalle larghe era lui che ci metteva la faccia per contestare gli arbitri o fare la guerra al potere, facendosi nemici ovunque.

 

Con queste basi riterremmo giusto, quasi naturale che Totti e la Roma stessero insieme ora e per sempre. Non così, però. Non da nemici che vivono sotto lo stesso tetto.

 

Prendete gli ultimi giorni. In un’intervista Francesco ha dichiarato che i dirigenti lo hanno fatto smettere di giocare, e che Spalletti era un tutt’uno con loro ed è stato quello che ha spinto di più. Sì, ma Spalletti è uno dei personaggi del calcio più invisi a Totti (non lo ha nemmeno invitato alla presentazione del suo libro al Colosseo) e quei dirigenti ai quali si riferisce sono gli stessi accanto ai quali oggi segue le partite.

Spalletti e i dirigenti attuali della Roma sono stati alleati contro di lui, imponendogli di smettere.

 

A proposito del libro: c’è una parte in cui Totti racconta che anche Franco Baldini ha avuto un ruolo fondamentale nella conclusione della sua carriera. Il dirigente toscano, la cui scaltrezza ha pochi pari, si è subito tirato indietro: se lui la pensa così, mi dimetto dal comitato esecutivo della Roma. In suo soccorso è arrivato subito Pallotta: dimissioni respinte. Un altro bel circo tra ex (o no?) nemici di Totti.

 

La domanda è: perché Francesco deve continuare a mettere la faccia per una società nella quale ha quasi esclusivamente nemici? Gente che realmente non sopporta, tanto che continua a citarla in senso assolutamente negativo ogni volta che ne ha la possibilità, in un’intervista come in un libro.

 

Non ha senso che Totti rimanga in questa Roma, piena di nemici.



@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
26/09
100
di Francesco Balzani
Roma, Baldini choc: 'Totti dice che ha smesso per colpa mia? Mi dimetto'. Pallotta: 'Respingerò le dimissioni'
26/09
52
Nainggolan: 'Inter, è ora di alzare il mio primo trofeo. Totti il più forte, l'inchino di Bologna...'
25/09
91
di Daniele Longo
ESCLUSIVO!
Roma, Monchi sponsor di Montella: fu lui a consigliarlo al Siviglia
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.