C'è Fiorentina-Juve. E tra i tanti argomenti di discussione non può mancare quello legato a Federico Chiesa. Perché il gioiello viola è stato davvero molto vicino al club bianconero, per un trasferimento che forse potrebbe essere solo rimandato di una stagione. Ma che nel frattempo si complica e non poco. Prima del passaggio di proprietà della Fiorentina dalla famiglia Della Valle a Rocco Commisso, infatti, la trattative procedeva a vele spiegate anche grazie all'intermediazione di Fali Ramadani: accordo totale per l'ingaggio, da cinque anni a cinque milioni netti a stagione bonus inclusi. Con una valutazione da 70 milioni di euro che la Juventus avrebbe voluto abbattere il più possibile ma che non spaventava di certo il club bianconero. Poi l'arrivo di Commisso, poi la chiusura totale al mercato per Chiesa. Che pure avrebbe voluto lasciare Firenze subito. Niente da fare. IL DUELLO – Tutto fermo, tutto rimandato. A quando? Alla prossima estate, spera Chiesa e spera pure la Juve. Che nel frattempo aspetta che il momento possa tornare propizio, avendo ora altre priorità a cui pensare. Sapendo di aver almeno un altro grande rivale in più. Si tratta dell'Inter di Beppe Marotta, che già nelle scorse settimane ha fatto intendere come, nel caso in cui Chiesa fosse rimasto alla Fiorentina, allora ci sarebbe stato tempo e modo per iscrivere nuovamente i nerazzurri in questa corsa all'oro. Primi sondaggi effettuati, strategia pronta a essere delineata in vista della prossima calda estate. Che vedrà Chiesa al centro dell'ennesimo duello di mercato tra Juve e Inter, all'ultimo milione di euro. A Rocco piacendo, si intende.