Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Ucciso Kaos, il cane eroe di Amatrice: l'ultimo delirio di una società malata
Anche il mondo dello sport si era fermato e aveva immediatamente messo in moto la sua macchina della solidarietà quando la terra aveva tremato facendo crollare gli edifici di tanti paesi del Centro Italia. Amatrice e dintorni, la zona più colpita, aveva pianto duecento e quarantanove morti. Molte persone, per fortuna, vennero estratte vive dalle macerie dalle braccia di vigili del fuco e volontari. Alcune di loro dovettero la loro vita all’intervento di un salvatore speciale. Kaos, un bellissimo e docilissimo pastore tedesco il quale dopo aver “sentito” la presenza umana sotto le pietre e la terra scavava con le sue zampe anticipando il lavoro dei soccorritori.

Due anni dopo un essere appartenente alla razza umana ha pensato bene di ringraziare quel prezioso eroe con una polpetta avvelenata. Così è morto Kaos nel suo giardino di casa dove lo ha trovato il suo padrone e istruttore il quale, ufficialmente, ha voluto scrivere una straziante lettera di addio al suo fedele amico scomparso per mano di un tale per il quale la definizione di delinquente è un eufemismo. Certamente l’assassino non è stato un parente di coloro che il pastore tedesco aveva provveduto a salvare. Comunque uno del posto che sapeva perfettamente cosa stava facendo e chi fosse Kaos.

Voglio anticipare i soliti commenti, sciocchi, di coloro i quali mi chiederanno che cosa c’entri questa odiosa vicenda con lo sport e perché un sito come il nostro dia spazio ad un avvenimento del genere. Apparentemente nulla, è ovvio. In realtà il ribrezzo e lo schifo che tutti dovrebbero provare per ciò che è successo non può trovare barriere di genere o di categoria esattamente come non le trovarono tutte le lodevoli iniziative che lo stesso mondo dello sport mise in atto dopo la tragedia del sisma.

Detto questo e sgombrato il campo da ogni specioso equivoco resta il fatto con tutti i suoi terribili significati. La morte di Kaos, per la quale la cittadina di Amatrice pretende giustizia, non avrà fatto che anticipare ciò che, soprattutto nei periodi di esodo estivo, accade sempre più di frequente. Sono già stati avvistati sull’autostrada A1 alcuni cani legati al guard rail abbandonati da “umani” che li giudicano un “peso” per le loro vacanze. Non saranno i primi quei poveri animali il cui unico torto è  stato quello di fidarsi e di volere disinteressatamente bene a “bestie” con due gambe rappresentanti di una società sempre più malata. Molto malata.

-- -- -- -- -- -- --

Di seguito la lettera di Fabiano Ettore, l'istruttore di Kaos: "Ciao amico mio !!!!! Hai lasciato un vuoto incolmabile per mano di una persona meschina .. continua il tuo lavoro lassù continua a cercare dispersi, a salvare vite umane... Non provare odio per chi ti ha fatto ciò, anzi se un domani avrà bisogno aiutalo sii superiore e quanto ti guarderà negli occhi e vedrà che sei tu il suo Salvatore morirà lentamente da solo.... Kaos ne abbiamo.viste tante ... aiutati tanti e tanti non ci siamo riusciti... hai lavorato giorno e notte, quando è servito non ti sei mai risparmiato .. sei stato un amico fedele abbiamo condiviso e diviso casa.. divano .. tutto .. corri amico mio corri non ti fermare un giorno ci abbracceremo nuovamente". 
Marco Bernardini

Le più commentate
18/01
2
di Marcello Chirico
#JuveOut, vogliono un'altra Farsopoli! Ma è dura, col Milan c'erano due rigori
18/01
2
di Fabrizio Romano
ESCLUSIVO!
Piatek al Milan, accordo pronto a titolo definitivo: la cifra finale e cosa manca
18/01
2
di Alessandro Di Gioia
ESCLUSIVO!
BARELLA ALL'INTER: CI SIAMO! L'incontro e le cifre, ecco la verità
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.