Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Ventura non imiti Sacchi e Prandelli: quando il post-Italia dei ct è un disastro
La carriera di chi, da ex ct della nazionale, torna ad allenare un club è un rebus, un azzardo, un tiro di dadi. Gian Piero Ventura - neo allenatore del Chievo pronto al debutto contro l’Atalanta - prenda nota e ripassi cos’è successo ai colleghi che l’hanno preceduto in questo percorso. A qualcuno va bene, ai più invece la Storia nega quasi sempre la possibilità di fare meglio e spesso rimpalla l’occasione di un riscatto.

Prendete Prandelli. La sua esperienza in nazionale è stata uno spartiacque, con un «prima» e un «dopo». Il suo quadriennio azzurro è stato segnato dal 2° posto a Euro 2012, ma soprattutto con il fallimento al Mondiale 2014 in Brasile. Alla panchina azzurra sono seguiti solo flop, scelte sbagliate, inciampi tra Galatasaray, Valencia e Al Nasr.

Il Sacchi che per cinque anni (dal 1991 al 1996, ovvero dai 45 ai 50 anni) ha guidato la nazionale ne è uscito spremuto, sul piano mentale ed emotivo. Il furore che aveva accompagnato l’uomo che ha cambiato il calcio moderno, una volta lasciata la nazionale, è parso annacquato, come dimostrano il dimenticabile ritorno al Milan, la tappa spagnola all’Atletico Madrid (esonerato dopo sette mesi) e infine il rientro a Parma, esperienza chiusa anzitempo per troppo stress.

Edmondo Fabbri venne marchiato a vita dalla Corea (Mondiale 1966), ma in realtà capiva (e molto) di calcio: era arrivato sulla panchina azzurra sull’onda della clamorosa cavalcata del piccolo Mantova (portato dalla serie D alla serie A), dopo la Corea allenò squadre di seconda fascia, Torino, Bologna, Cagliari, Ternana, Pistoiese, vincendo però due volte la Coppa Italia (con Torino e Bologna alla fine degli anni 60).
Donadoni è stato catapultato in nazionale dopo due tranche di serie A col Livorno, quindi non può fare testo; mentre Zoff dopo il 2° posto ad Euro 2000 ha allenato in due frangenti diversi: Lazio per tre partite e Fiorentina, per cinque mesi, più che dignitosamente. Bearzot e Maldini sono due esempi di tecnici federali: il ct campione del mondo nel 1982 ha smesso nel 1986 (Mondiale messicano) e non si è più seduto in panchina. A ripensarci oggi: aveva 59 anni e molto ancora da insegnare (La stessa scelta fece Bernardini, che però ne aveva 72 quando smise di allenare).

Maldini invece ha guidato l’Italia dai 64 ai 66 anni (biennio 1996-1998) e il più era fatto, tanto che le sue esperienze successive (Milan come Dt e ct del Paraguay) hanno aggiunto poco al suo curriculum.

Luminoso è stato il tramonto della carriera di Trapattoni, che dopo la parentesi azzurra (2000-2004) ha titoli nazionali con Benfica e Salisburgo, prima di chiudere da ct dell’Irlanda; mentre quasi trent’anni prima Valcareggi - dopo la panchina azzurra - continuò ad allenare (un triennio a Verona e una stagione Roma, a fine carriera la Fiorentina) ma senza raccogliere grandi soddisfazioni.

Chiudiamo con due allenatori che - dopo l’esperienza con la nazionale, sono rimasti - in contesti e modalità diverse - comunque sull’onda. Lippi ha conquistato la Cina con il Guangzhou (3 Super League, 1 Coppa della Cina e 1 Champions asiatica); Conte ha vinto subito col Chelsea (Premier) per poi continuare sulla scia l’anno dopo (Coppa d’Inghilterra). Quest’ultimo è davvero l’unico di tutta la batteria di ex ct che può dimostrare che il post-nazionale può rivelarsi vincente come il pre-nazionale.
Furio Zara

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Leggi anche...
17/10
7
Tacconi: 'Perin dal Genoa alla Juve per fare la Coppa Italia, ha sbagliato'
17/10
4
Hoffenheim, due club italiani su Schulz
17/10
Nations League, più fiducia sull'Italia: la vittoria del girone scende a 6.00
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.