Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Vince il City, ma Guardiola è sparito. Klopp, sei un magnifico perdente?
Premier riaperta (City batte Liverpool 2-1), ma non si è visto né il tiki taka di Guardiola, né il gegenpressing di Klopp. Piuttosto, soprattutto nel secondo tempo, molto giro palla del Liverpool e ferini contropiede del City. Naturalmente con un finale old style: palle lunghe, cross, mischie nell'area del Manchester che si difendeva come una provinciale. L'insopportabile Di Canio – insopportabile perché ansiogeno, uno che va sopra le sue stesse parole  torcendo frasi e concetti – ha detto che questo ha reso umano Guardiola. Al proposito io avrei un'idea un po' diversa che esprimo senza paura di andare controcorrente: il marchio del catalano è ormai scomparso, anche lui come altri pratica un calcio svuotato di ogni bellezza, è più attento alla fase difensiva e non si vergogna neanche un po' di lasciare l'iniziativa all'avversario. Vincerà ancora, ma non credo per molto. Come sempre e ovunque c'è chi è pronto a soppiantarlo e ad inaugurare una propria éra.

Non so ancora se sia arrivato il momento di Jurgen Klopp, ma a 51 anni al tedesco non sono rimaste troppe opportunità. O conquista la Premier in questa stagione – da quando è a Liverpool, cioé due anni e mezzo, ha solo perso finali o è arrivato dietro i primi – oppure diventerà un magnifico perdente, come ebbi a definirlo dopo la sconfitta in Champions con il Real Madrid. Nei fatti Klopp ha vinto solo in Germania (due campionati, una Coppa nazionale, due supercoppe) e nulla fuori dai confini. Poco per definire il suo calcio produttivo, oltre che esteticamente appagante. Eppure, questa volta, ce la può fare. E mi piace scriverlo la sera in cui la sua squadra ha perso la  prima gara di Premier, la classifica si è accorciata (da più sette a più quattro proprio sul City), lui ha ceduto a Guardiola come era accaduto cinque volte su quindici (Klopp comunque resta in vantaggio nei confronti diretti).

Nel primo tempo ha segnato il City (Aguero al 41', micidiale sinistro dall'area del portiere, su dormita di Lovren ed esitazione di Alisson), ma ha giocato il Liverpool. Meglio in tutto: corsa, giocate, movimento senza palla, sfondamenti centrali. Proprio in uno di questi – in Italia sono rarissimi perché tutti difendono la porta – Salah ha imbeccato Mané (18') che ha colpito il palo. Sulla respinta Stones ha tirato addosso a Ederson e la palla stava per finire dentro, ma ancora Stones l'ha salvata, per pochi millimetri, con un prodigioso intervento. Il City non solo aveva sofferto la brillantezza della capolista, ma non ha saputo organizzare neppure una controffensiva. L'unica – anche se ha di poco preceduto il gol tanto da essere considerata un degno prologo – è stata realizzata grazie ad un'accelerazione di Sané che, quasi dal fondo, ha concluso su Alisson pronto alla respinta.

Perciò il pareggio di Firmino (64') non è stato né sorprendente, né iniquo. Anzi, ha perfino tardato ad arrivare, anche se l'azione è stata viziata da un grave errore di Danilo. E' accaduto infatti che Alexander-Arnold cambiasse – secondo natura e vocazione – fronte di gioco da destra a sinistra e che, nel pescare il movimento di Robertson, inducesse Danilo alla mancata deviazione aerea. Strada  spalancata, dunque, per l'esterno che metteva sul secondo palo dove era appostato Firmino (gol di testa facile facile). Klopp avrebbe voluto vincerla e ha attaccato. Guardiola anche, ma ha preferito attendere e ripartire con Sterling (sbaglia tanto, ma è uno sprinter) e Sané, due esterni del suo 4-3-3, solo nei numeri speculare a quello dell'allenatore tedesco. Non a caso sono stati proprio quei due ad attaccare la linea a quattro, per la verità molto statica, del Liverpool. Sterling ha portato palla, ha finto il passaggio ad Aguero (e Lovren ha abboccato), poi ha allargato a Sanè che di sinistro, ad incrociare, ha trovato il palo interno e ha battuto Alisson.

Se è vero che in ripartenza il City avrebbe potuto segnare ancora con Aguero (82', grandissimo Alisson), Bernardo Silva e Sterling (90', pasticcio di Shaqiri, subentrato a Mané, e di Lovren), è altrettanto vero che il Liverpool ha avuto una clamorosa occasione con Salah (83', diagonale di sinistro deviato da Ederson) e nel finale, in un paio di mischie furibonde, si è visto ribattere il pallone ancora da Stones e dal portiere di Guardiola. Come sostengono i pragmatici, chi vince ha sempre ragione, ma la qualità del gioco e l'esigenza di imporlo sono stati dalla parte di Klopp. Lui e la sua squadra meritavano di più. Proseguendo così non sarà facile togliere loro la leadership. Quella parte di Inghilterra che tifa Liverpool non può aspettare più.

@gia_pad
 
Giancarlo Padovan
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
00:00
3
di Daniele Longo e Alessandro Cosattini
Milan, oggi l'incontro col Genoa per Piatek: Leonardo prova l'affondo
17/01
1
di CM
Inter: dubbio riscatto per Vrsaljko, avanza la candidatura di Darmian
17/01
1
Giudice Sportivo: una giornata a Kessie, Romagnoli e Pjanic. Gattuso squalificato e multato, come il medico
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.