Dalla cotoletta al pollo alle mandorle: non è più il derby di Prisco e Jannacci
14/04/2017, 20:45
di Marco Bernardini
Non ci potranno essere. Avrebbero l’opportunità di osservare dall’alto, è vero. Ma credo che eviteranno di farlo. Ci starebbero male. Troppo male. Enzo Jannacci, Beppe Viola e Giorgio Gaber. Ma anche Gino Bramieri e Peppino Prisco. Quelli, tra i tantissimi, che il derby non era mica una roba qualunque. Era la fotografia di due anime. Quelle della "Granmilàn" che spingeva i "sciur" ad arrivare in automobile a San  Siro "già mangiati" e con le bandiere nerazzurre in mano più o meno alla stessa ora in cui si avvicinavano allo stadio i "magutt" scesi dal tram con la schiscetta del pranzo a sacco nella mano destra e la sciarpa rossonera ben stretta nella sinistra. Tra canti e sfottò ci si capiva tranquillamente tutti. Il dialetto che non era lombardo ma proprio milanese di ringhiera. Poi anche i "terun" ormai radicati nelle periferie e conquistati da quelli con il “coeur ‘n man”. Profumo di riso con lo zafferano e di cotolette impanate con l’osso. Alle fine una bella fetta di colomba Motta o Alemagna con un bicchierino di Bianco Sarti per digerire o di Borghetti per gli uomini forti. Era il derby più derby di tutti gli altri. Era Inter-Milan coniugato alla meneghina.

Ora di pranzo. Adesso. Ci saranno anche i cinesi, a nove ore di fuso orario, davanti ai televisori accesi per assistere a quello che, da questo giorno epocale, sarà il loro derby. Bacchette tra le mani a portare in bocca pollo alle mandorle e involtini primavera. Il sake caldo non profuma. Non come il barbera del trani a gogò, perlomeno. Da Pechino fino agli angoli più nascosti del più grande e popoloso Paese del mondo si schiereranno a favore dell’Inter o del Milan a seconda della simpatia per un colore piuttosto che per l’altro. Oppure per solidarietà ai nuovi padroni del calcio i quali hanno deciso di investire faccia e denaro in un gioco che per renderlo popolare e un minimo accettabile in Oriente hanno dovuto chiamare il molto onorevole Marcello Lippi da Viareggio. Il cuore, la passione e la sana follia no. Sono altra cosa. Un'anima cinese non potrà mai essere milanese.

Il Meazza sarà stracolmo. La curiosità è femmina tifosa. Tutti felici e contenti, in apparenza. E anche con validi motivi per esserlo. Ricchezza significa potenza, specie nel mondo del pallone. E i nuovi padroni cinesi di soldi ne hanno da buttare. Almeno così sembra. E allora forza Milan e forza Inter. Odiata Juventus, stiamo tornando! Essì gli italiani sono fatti così. Viva il re di Francia e viva il re di Spagna purchè se magna. I milanesi no. E se pure sventoleranno le loro bandiere di appartenenza convinti che grazie ai cinesi le loro squadre, come è probabile, torneranno all’onor del calcio, nell'intimo soffriranno un poco per via di quelle loro dignità e appartenenza vendute al miglio offerente. Jannacci, Gaber, Viola, Bramieri e Prisco si ritroveranno per l’ora di pranzo. Ma, evitando di osservare sotto il cielo, andranno a fare una bella e ricca merenda tra le nuvole a base di riso allo zafferano e cotoletta impanata. Le bevande verranno offerte da Moratti e Rizzoli padri.
Marco Bernardini
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
14:15
1049
di Daniele Longo
Milan, viaggio segreto di Mirabelli e Fassone: in arrivo un grande colpo
09:15
676
Fair play finanziario, perché il Milan spende e l'Inter no. Ma c'è un rischio
14:30
577
di Gianluca Minchiotti
Via dalla Juve: Dybala ci sta pensando. Fra incedibilità e Barcellona: il punto
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook