Il fisioterapista e il benzinaio, la Chiesa story: Federico sulle orme di Enrico
17/01/2017, 11:00
di Stefano Benzi
Ho avuto la fortuna di conoscere da vicino la genesi e l’esplosione di un fenomeno come quello rappresentato da Enrico Chiesa. Enrico giocava per la Sampdoria ma suo papà, oltre a volerlo diplomato, pretendeva che il ragazzo gli desse una mano tra le pompe della stazione di servizio che da Pontedecimo portava verso le alture di Mignanego, sulle alture di Genova, dove la famiglia Chiesa viveva: “Vada come vada se non altro questo ti servirà” diceva Chiesa senior che portava ad allenarsi un giorno sì e un giorno no questo ragazzo bassino, magro, quasi ossuto, ma con un tiro terrificante e un dribbling secco micidiale. 

Chiesa va in prestito a Teramo, Chieti, Modena e Cremona: torna a Genova con qualche chilo di muscoli in più ma soprattutto una maggiore fiducia in se stesso. Il suo dribbling resta micidiale almeno quanto la conclusione, fulminea… una vera sassata. Le reti saranno la costante della carriera di Enrico Chiesa che a Genova chiamavano affettuosamente “testùn” per la testa grande, quasi sproporzionata rispetto alle spalle e una caparbietà che si rivelerà utile sia quando ogni volta che entrava dalla panchina segnava, sia quando la carriera lo metterà a confronto con drammatici infortuni. Anche Federico è genovese, nato dalla fidanzatina di sempre mentre Enrico era a Parma; ma i primi passi Federico da calciatore li compie tra Firenze e dintorni quando il papà sta chiudendo una bella carriera, che con un po’ più di fortuna poteva essere straordinaria. E anche Chiesa junior è un po’ testone: si butta su tutti i palloni con uno scatto fulmineo, rapidissimo. Il pallone se lo aggiusta di rado: tira di destro o di sinistro in modo violentissimo e preciso. La palla è sempre nello specchio della porta. In lui c’è molto del papà, dribbling e tiro dirompente ma soprattutto una grande educazione e un’estrema umiltà di fondo. 

Compiuti i 14 anni il papà lo iscrive alla scuola internazionale: il progetto è quello di fargli fare fisioterapia… “Vada come vada se non altro questo ti servirà”. Niente ore di lavaggio vetri e pieno di gasolio: libri, tre lingue e università. Sempre che il calcio non confermi un talento straordinario e che mi fa particolarmente godere. Perché vedere formarsi e brillare un gioiello come Enrico Chiesa e poi ammirare anche lo stesso DNA e quel bel sorriso, ampio, aperto e generoso, nel figlio Federico, rappresenta indubbiamente una bella storia. 
Stefano Benzi
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
24/05
3
di Federico Zanon
COLPO MILAN, TORNA GATTUSO
24/05
1
Tacchinardi: 'Milan fortunato nel 2003. Finale del '98? Del Piero era rotto'
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook