Juve-Roma: Spalletti brutto e spietato come Allegri, per questo gli fa paura
13/12/2016, 10:30
di Stefano Agresti
C'era una volta una Roma bella e inconcludente: ci conquistava con lo spettacolo ma s’innamorava di se stessa, narcisista fino all’autolesionismo, e alla lunga pagava. Inciampava nel momento meno atteso, oppure arrivava agli scontri diretti carica di punti e di fiducia e lì si sgonfiava, magari dopo avere giocato un’ora alla grande, magari innervosita da qualche decisione arbitrale. Non era fragilità tecnica, tantomeno tattica, anzi spesso - sia con il primo Spalletti, sia con Garcia - i giallorossi si muovevano in sincronia perfetta, a tratti entusiasmante. Ma non bastava.

 

 

Questa Roma è diversa, perché non è bella, anzi a volte è anche bruttina, o decisamente brutta, eppure vince. Prendete le ultime due partite, contro Lazio e Milan. Cominciamo proprio dall’ultima, che abbiamo fresca negli occhi. Ebbene, i rossoneri - annunciati come decisamente inferiori, a dispetto della classifica - hanno imbrigliato gli avversari per tutto il primo tempo, benché Niang non fosse lui, benché Bertolacci non giocasse da due mesi e mezzo, benché mancassero Bonaventura e Kucka (oltre a Bacca). Montella ha offerto un piccolo spettacolo tattico che poteva e doveva concludersi almeno con un gol e invece si è risolto con un rigore fallito. Quindi sono venuti fuori i muscoli giallorossi, assieme all’esperienza e alla cattiveria: 1-0. E anche nel derby, a ben guardare, la Roma ha vinto essenzialmente perché ha saputo sfruttare al massimo un errore individuale della Lazio: quel colpo folle di Wallace ha aperto una partita chiusa, nella quale fino a quel momento una squadra, la Lazio, aveva giocato bene un quarto d’ora, il primo della gara, e l’altra mai. Un incontro brutto, vinto dalla Roma.

 

La Juve è più forte della Roma, perché è decisamente più forte di tutte, almeno in Italia. Ma non ha mai incontrato i giallorossi in questa versione: brutti e spietati. Molto… bianconeri, diremmo, come se Spalletti avesse imparato da Allegri a vincere anche quando non lo merita, a sfruttare al massimo ogni spiraglio per aprirsi un tunnel. Fino a qualche tempo fa, se avessimo dovuto pronosticare l’esito dello scontro diretto, avremmo detto: la Roma giocherà meglio, la Juve vincerà. Oggi, pur confermando che i bianconeri sono migliori e favoriti, diciamo: nessuno giocherà bene, chissà chi vincerà.

@steagresti

 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
13:10
619
Inter, UFFICIALE: chiesto un prestito da 300 milioni per rifinanziare il debito
12:31
506
Sorteggio Champions: la Juve pesca il Tottenham. Roma con lo Shakhtar, Real Madrid-PSG, Chelsea-Barcellona
09:00
309
di Cristiano Ruiu
ESCLUSIVO!
Vai Rino! Tanti saluti alla difesa a 3 e a quei bidoni portati da Mirabelli
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Invia
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook