PAGELLONE: Gagliardini (10), Sousa (9) e il Ninja (8) fanno nera la Juve (3)
17/01/2017, 17:30
di Stefano Agresti

10 GAGLIARDINI. Che fosse bravo, okay, lo avevamo capito. Ma che avesse la personalità - non solo le qualità - per prendersi l’Inter e San Siro alla prima partita, questo non ce lo saremmo mai aspettati. Spaventoso. E chissà come ci è rimasta la Juve, che lo ha mollato ritenendo esagerata la valutazione di 25 milioni...

 

9 PAULO SOUSA. Disintegra la Juve, e soprattutto Allegri, per scelte tattiche e atteggiamento mentale: la Fiorentina è una squadra, gli avversari no. E così si conquista un altro piccolo spicchio di panchina bianconera.

 

8 NAINGGOLAN. In una Roma rimaneggiatissima (fuori Rudiger, De Rossi, Salah, Perotti, oltre a Florenzi), è il trascinatore assoluto. Dopo un avvio di stagione un po’ così, forse anche per le voci che arrivavano dall’Inghilterra, è tornato uno dei migliori centrocampisti del campionato. E non solo del nostro. Intanto la Juve si avvicina...

 

7 INZAGHI. Battere l’Atalanta è difficile per chiunque, e lo dimostrano i risultati dei bergamaschi. Lui fatica, però ci riesce. E resta in scia alle primissime: una specie di miracolo.

 

6 CROTONE E PESCARA. Le squadre non sono competitive, anzi sono quasi imbarazzanti, ma almeno le società ne sono consapevoli e non colpevolizzano gli allenatori. Così Nicola e Oddo restano al loro posto, mentre scivolano verso la B: tutto molto più dignitoso e serio rispetto all’ignobile gazzarra di Zamparini a Palermo.

 

5 MIHAJLOVIC. Il Toro viaggia al di sotto delle attese, ma soprattutto ci lascia perplessi questo suo atteggiamento sempre un po’ sopra le righe. Come se il confine tra un buon allenatore e uno pessimo, o tra un uomo “con le palle” (come dice lui) e uno senza, sia un cartellone spaccato in faccia a uno steward.

 

4 IL GENOA. Quattro come le sconfitte consecutive incassate in campionato. Decisamente troppe e non giustificabili solo con le partenze di Rincon e Pavoletti. Anche perché due di questi scivoloni sono stati a dicembre, quando il mercato era ancora chiuso.

 

3 LA JUVE. E’ incredibile come la società più vincente, ricca, forte e preparata d’Italia sia andata in crisi sul mercato di gennaio: non ha solo perso Wistel (e Gagliardini), ma è stata anche incapace di tamponare l’emergenza sulle fasce (e ora si sta facendo mettere in clamorosa difficoltà dai turbamenti di Evra). I risultati si sono visti a Firenze.

 

2 ALLEGRI. Vedi Paulo Sousa. Con l’aggiunta di quelle pessime parole gridate in faccia al quarto uomo. Stile Juve? Stile Allegri? Macché: stile zero.

 

1 I RIGORISTI. Tre rigori falliti: Mchedlidze, Dzeko, Ljajic. Clamorosi - per il nome dei protagonisti e per le esecuzioni degli stessi - soprattutto gli errori del romanista e del granata. Fortuna che qualcun altro (Bacca, Immobile, Caprari, Farias) abbia rialzato un po’ la media.

 

0 GLI ANTI-MARADONA. Diego torna a Napoli, una città impazzisce d'amore e spuntano i benpensanti a fare la morale sull’opportunità di averlo in città. Sarà perché abbiamo avuto il privilegio di vederlo in campo, ma a noi avere Maradona in Italia sembra sempre un gran bel regalo.

@steagresti
 


Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
12:02
443
L'on. Taglialatela, dell'antimafia: 'Sono un ultrà del Napoli, canto Juve m...'
17:30
275
Juve, UFFICIALE: per Pjaca rottura del legamento crociato. Stagione finita
12:05
251
di Andrea Distaso
Ce l'ho con... Ventura, questo Barzagli non merita più la Nazionale!
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook