Via Ranieri? Viva Ranieri
23/02/2017, 23:05
di Stefano Agresti
La leggenda non si cancella. Mai. Figuriamoci con un esonero meschino, una pugnalata alle spalle dell'uomo che ha portato a compimento, appena pochi mesi fa, l'impresa più sorprendente nella storia dello sport. Noi non dimentichiamo né dimenticheremo: per noi Claudio Ranieri rimane un eroe e il suo Leicester uno straordinario esempio di come nel calcio niente sia impossibile.

Peccato che quello stesso Leicester gli abbia voltato le spalle, e sono passati appena nove mesi dai giorni del trionfo, quando tutto il mondo parlava di quella squadra sconosciuta e di quell'allenatore che in Italia definivano 'il perdente di successo'. Altro che perdente: ha vinto quello che nessuno avrebbe mai pensato. E anche qui, tra di noi, molti si sono improvvisamente scoperti tifosi delle Foxes, una squadra di cui conoscevamo l'esistenza a malapena, soprattutto perché Mancini aveva deciso di giocare là le ultime partite della carriera.

Si racconta fosse entrato in contrasto con i vecchi del gruppo, alcuni dei quali lo avrebbero scaricato: un gesto vile nei confronti di chi li ha da poco guidati a un traguardo inimmaginabile, regalando loro una notorietà e una fama che mai si sarebbero sognati di avere. Ma nel calcio, come nella vita, la riconoscenza non esiste (quasi) mai. Ranieri ha pagato questi rapporti deteriorati, più che i risultati sì negativi (il Leicester è in piena lotta per la salvezza) ma nobilitati da un eccellente cammino in Champions (e il 2-1 di Siviglia lo lascia in piena corsa per la qualificazione ai quarti). In Premier la squadra ha forse sofferto le attese e la pressione, oppure più probabilmente un organico inadeguato a competere anche in Europa, insufficiente nella qualità e nei numeri. E tanti calciatori hanno cominciato a sbuffare, anziché aiutare Claudio a tirarsi fuori dai guai.

Meritava di provarci, Ranieri. Fino alla fine. Non gliel'hanno permesso: peggio per loro. Tornerà a casa amareggiato, certamente, ma comunque consapevole di avere realizzato un'impresa che resterà scritta nei libri di storia. No, la leggenda non si cancella. Mai.

@steagresti


 
Stefano Agresti
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
20/10
3
Napoli, allenamento differenziato per Insigne: è ancora in dubbio per l'Inter
20/10
2
Milan, Amelia: 'Con Galliani certe cose non succedevano'
19/10
1
Bacca: 'Ho giocato nel peggior Milan della storia', ma può tornare indietro...
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.
Invia
Per poter commentare effettua il LOGIN
Per poter commentare effettua o accedi con Facebook