Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

Anfield, Ovrebo, i gol di Toni: Prandelli, sarà dura giocare contro la Fiorentina
Sono pochi gli allenatori che entrano nel cuore di una città, prima ancora di una squadra, e non ne escono più. A Cesare Prandelli, bresciano di Orzinuovi e perfino ex juventino come giocatore, è successo con Firenze. Domani, a Marassi, ritroverà la Fiorentina da avversario per la prima volta dopo più di 8 anni. L’ultima volta, sulla panchina viola, risale al 16 maggio 2010, Bari-Fiorentina 2-0. Da allora, è tornato al Franchi da ct della Nazionale, mai da allenatore. Dopo l’Italia, solo campionati esteri col Galatasaray, il Valencia e l’Al-Nasr, e solo disavventure.

Firenze per Cesare è il punto più alto della sua carriera con i club ma è soprattutto il punto più bello della sua vita. Nei suoi 5 anni in riva all’Arno, la Fiorentina ha giocato un calcio spettacolare, ha fatto due volte la Champions League, è arrivata alla semifinale di Coppa Uefa, ha entusiasmato la gente. Ricordiamo ancora la sua prima partita, campionato 2005-06, era un anticipo, si giocava a fine agosto in notturna. La Fiorentina vinse 2-1 contro la Samp giocando un calcio che in quello stadio si erano dimenticati. Uno spettacolo. Ma Prandelli a Firenze è molto di più. E’ Ovrebo, l’arbitro scandaloso e ciccione che tolse ai viola una storica qualificazione ai quarti di finale di Champions contro il Bayern; è la vittoria ad Anfield; è la rincorsa nella stagione della penalizzazione per calciopoli; è la Scarpa d’Oro di Toni; è l’esplosione di Mutu.

Ma è soprattutto quella domenica in cui Cesare tornò in panchina dopo aver trascorso accanto a sua moglie Manuela i suoi ultimi giorni di vita. L’applauso che gli dedicò il Franchi era pieno di un sentimento che Cesare non ha mai dimenticato. Ha preso casa a Firenze, di là d’Arno, con un occhio su Piazza del Carmine. Ha gli amici, i nuovi affetti, le passeggiate nel cuore della città. Firenze è tanto per Prandelli. Non sarà facile per lui giocarci contro. 
 
Alberto Polverosi
Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
00:00
3
di Daniele Longo e Alessandro Cosattini
Milan, oggi l'incontro col Genoa per Piatek: Leonardo prova l'affondo
17/01
1
di CM
Inter: dubbio riscatto per Vrsaljko, avanza la candidatura di Darmian
17/01
1
Giudice Sportivo: una giornata a Kessie, Romagnoli e Pjanic. Gattuso squalificato e multato, come il medico
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.