C'è un effetto collaterale ulteriore nell'eliminazione dell'Inter dalla Champions League. Quello che può portare il Borussia Dortmund a risolvere un paio di problemi in casa Juve. Due problemi che hanno nomi ben precisi: Emre Can e Mario Mandzukic. Già, perché con gli ottavi di Champions League in tasca, ora il club giallonero può davvero concretizzare l'affondo sui due separati in casa della Juve. È di 30 milioni il tesoretto stanziabile dal Borussia Dortmund per provare a convincere la Juve, impresa tutt'altro che proibitiva nonostante richieste inizialmente più alte. Forse più complicato sarà riuscire a trovare un accordo economico con i due giocatori, entrambi partono dall'attuale ingaggio vicino ai 6 milioni netti a stagione, entrambi non dicono di no a priori al ritorno in Bundesliga. E il primo muro è crollato, gli ottavi di Champions rappresentano un guadagno supplementare importantissimo per le già solide casse del Dortmund, ma anche la competizione in cui Emre Can e Mandzukic vogliono tornare protagonisti.

E LA JUVE... - Se poi la Juve dovesse concludere questa operazione, o riuscisse a cedere Emre Can e Mandzukic anche in altro modo, ecco che si libererebbe lo spazio a bilancio e in rosa per quel colpo a centrocampo che tanto sembra servire al progetto tecnico di Maurizio Sarri. Da Leandro Paredes a Sandro Tonali passando per quell'Ivan Rakitic grande protagonista a San Siro contro l'Inter: non mancano le opzioni, altre potrebbero scaldarsi nelle prossime settimane. Prima però bisogna vendere. E la qualificazione del Borussia Dortmund potrebbe trasformarsi nella soluzione ideale per sbloccare il mercato della Juve.