Cagliari-Sampdoria 4-3

Rafael 6: è vero, prende 3 gol, ma non può fare miracoli. Ne fa uno su Quagliarella da urlo nel primo tempo. Non giocava da un anno, non fa rimpiangere Olsen. 

Faragò 5: tanti, troppi errori di misura. Sbaglia tutti i cross, spinge tanto, ma con poca precisione. In ritardo anche sul tris di Quagliarella. 

Pisacane 5,5: erroraccio sul gol di Ramirez, sia l’uruguaiano, sia Quagliarella lo mettono in difficoltà. 

Klavan 6: un po' meglio del collega di reparto, anche se in occasione della rete di Ramirez è colpevole anche lui. 

Pellegrini 7,5: un leone! E’ vero che fa tanti errori, ma corre fino al 97’ e colleziona due assist perfetti. Stremato a fine partita. 

Castro 5: inizia bene, con la qualità che lo contraddistingue, poi a lungo andare colleziona una serie di errori che lo porta al cambio a inizio ripresa. 
(12’ s.t. Nandez 6,5): entra lui e dà la spinta giusta, come al solito.  Cigarini 6: il solito equilibratore, oggi forse un po’ meno dinamico di come lo si era visto ultimamente, ma sempre preciso e ordinato. 

Rog 6: lottatore, magari oggi non troppo concreto, però ha veramente dato tutto, nonostante qualche errore. 
(39’ s.t. Ionita s.v.

Nainggolan 7,5: il solito gol da fuori, un assist, un’altra grandissima partita del Ninja che trascina tutti alla rimonta clamorosa. 

Joao Pedro 7,5: il voto è per i due gol da attaccante vero, perché non è che si è visto tantissimo, ma conta buttarla dentro. 

Simeone 6: si sbatte molto, ha poche occasioni, non riesce mai a trovare lo spazio giusto. Si dà comunque molto da fare.
(48’ s.t. Cerri 8: aspettava questo gol da un anno e mezzo. Entra nel recupero e regala la vittoria alla sua squadra dopo tante mazzate prese in passato. Una rivincita incredibile!)

All. Maran 7: il suo Cagliari non molla mai. Sotto due volte, non si arrende e trova una rimonta epica. E il quarto posto è ancora rossoblù, insieme alla Roma.