Dal Triplete sul campo di calcio alle elezioni del proprio paese: non si tratta di un film in uscita al cinema ma della straordinaria vita di McDonald Mariga Wanyama, calciatore che a soli trentadue anni ha deciso di mettere da parte la vita nel rettangolo verde per gettarsi a capofitto nell'avventura politica alla guida del proprio paese, il Kenya, sulle orme dell'ex Milan George Weah, diventato presidente della Liberia alla fine della propria carriera. Ma anche in questo caso, come in quello relativo all'ex Pallone d'Oro, non mancano le polemiche.

L'INFANZIA CON WANYAMA, LA SVEZIA E L'INTER NEL DESTINO - Nato a Nairobi nel 1987, Mariga cresce in una famiglia sportiva e appassionata di calcio, tanto che anche il fratello Victor Wanyama, più giovane di quattro anni, diventa un calciatore di prima fascia, attualmente al Tottenham ma con trascorsi nel Southampton e nei Celtic Glasgow. Centrocampista di grande quantità e buona qualità, dotato di un fisico da corazziere, Mariga cresce militando in alcuni club della propria città, l'Ulinzi Stars, il Tusker e il Kenya Pipeline. A soli 18 anni decide però di trasferirsi in Europa, notato dagli scout del club svedese di terza divisione dell'Enkoping. Nel paese scandinavo si fa subito notare per la propria modernità e viene acquistato dall'Helsingborg, uno dei club più importanti di Svezia noto ai più per avere eliminato l'Inter di Moratti e Recoba nei preliminari di Champions League del 2000. Con i rossi il kenyota vince una Coppa di Svezia e debutta nelle coppe europee.

PRIMO KENYOTA IN A: DA PARMA AL TRIPLETE CON MOURINHO - A soli 20 anni arriva il grande salto in Serie A. il Parma lo preleva in prestito con diritto di riscatto, poi esercitato nonostante la retrocessione in B, e Mariga diventa il primo kenyota a giocare nel campionato più importante d'Italia. Dopo tre stagioni su ottimi livelli, finisce nelle mire dell'Inter, che lo acquista in comproprietà scambiandone il cartellino con quelli di Jonathan Biabiany e Luis Jimenez. Una bella investitura, per un giocatore richiesto espressamente dallo Special One Josè Mourinho, che cerca un interprete con le sue caratteristiche. saranno gli anni più felici della sua carriera, nei quali debutterà in Champions entrando in campo nella semifinale contro il Barcellona e vincerà, seppur da comprimario, uno scudetto, due Coppe Italia, una Supercoppa italiana, una Champions League e un Mondiale per club, rientrando nella mitica rosa del Triplete nerazzurro, incidendo quindi il proprio nome nella leggenda dell'Inter.  'DALLE STELLE ALLE STALLE': REAL SOCIEDAD, L'ADDIO PER MAZZARRI E LATINA - Paradossalmente quella in cui vince tutto sarà per Mariga l'ultima stagione disputata per intero ai massimi livelli: a causa di una serie di infortuni e dell'addio all'Inter di Mourinho, inizia a trovare sempre più difficoltà nello scendere in campo, tanto da essere ceduto in prestito alla Real Sociedad e di nuovo al Parma, prima di tornare all'Inter dove viene definitivamente messo fuori dal progetto tecnico del nuovo allenatore Walter Mazzarri. Torna in Emilia da svincolato prima di decidere di scendere di categoria, disputando due ottime stagioni da protagonista a Latina, prima del fallimento della società pontina che lo riporta in Spagna, al Real Oviedo, ufficialmente il suo ultimo club prima di rimanere svincolato. Di contorno, 40 presenze e 5 reti con la maglia della nazionale del Kenya.

MARIGA OGGI: LA CARRIERA POLITICA (CON POLEMICHE) - Mariga dunque al momento è senza squadra, ma per precisa scelta personale e di vita: l'anno scorso infatti, dopo aver sostenuto il ritiro con il Cuneo per militare in Serie C e non essere riuscito ad effettuare il tesseramento a causa di complicazioni legate al proprio status di extracomunitario, ha deciso di tornare in patria per mettersi in gioco, tra le polemiche, per un posto da deputato in Kenya. In questo momento l'ex centrocampista è in piena campagna elettorale in vista delle elezioni che si terranno a novembre: l'obiettivo è iniziare una nuova carriera in politica conquistando un posto da deputato nel collegio elettorale di Kibra, posto rimasto vacante dopo la morte di Ken Okoth. Mariga è sostenuto dal Jubilee Party, il partito attualmente al potere, con il presidente Uhuru Kenyatta e il vice William Ruto che nelle ultime settimane hanno pubblicamente invitato la popolazione della contea della capitale Nairobi a votare l'ex Inter e Parma, anche se non sono mancate le polemiche perché gli oppositori accusano il partito di averlo candidato solo per sfruttare la sua notorietà di calciatore, avanzando dubbi sulle sue reali competenze. Al momento, il campo da calcio è quanto mai lontano.

@AleDigio89