È una Serie C sempre più formato Champions League quella che sta prendendo forma nel corso di questa stranissima stagione. Dal caos estivo legato a ripescaggi, fallimenti e fideiussioni, infatti, si è passati ad avere un palcoscenico sempre più ricco di personalità di grandissimo spessore del nostro calcio. Dalla Juventus U23, portabandiera del club più importante del nostro calcio odierno, allo sbarco a Monza di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, protagonisti indimenticati del più grande Milan di sempre, cui devono aggiungersi Cassano (al momento arruolato all'Entella solo per gli allenamenti, ma con un futuro annunciato in campo), Tavano e Maccarone, giocatori che hanno trascorso tutta la carriera ad altissimi livelli e che hanno scelto di rimettersi in gioco proprio in Serie C. 

OCCASIONE PER CRESCERE - Tutti arrivi che danno grande lustro ad un campionato spesso dimenticato e bistrattato non solo dai tifosi, ma anche dalle istituzioni, che non si sono mai premurate di dare una spinta, legislativa e mediatica, ad un torneo che forma la base portante del nostro calcio; un torneo nel quale si formano giovani talenti e ritrovano spazio vecchie leggende. Ecco perché proprio in una stagione che era partita sotto i peggiori auspici, si potrebbe trovare il punto di svolta per innalzare il livello, non solo tecnico, di un campionato che meriterebbe molto più sotto tutti i punti di vista. Questo nuovo palcoscenico ricco di stelle deve essere sfruttato per dare una spinta a tutto il movimento, per permettere alla Serie C di accrescere il suo status grazie alla maggiore attenzione calamitata da queste grandi personalità. Ora la palla passa alla Lega, che avrà il dovere, quantomeno morale, di ridare lustro ad un torneo che negli ultimi anni è apparso abbandonato a se stesso.

GIRONE A - E, ovviamente, nel Girone A è sempre più protagonista la Juventus U23 di Zironelli, che grazie al successo sulla Pro Patria nel posticipo del lunedì si è portata a -3 dalla vetta della classifica. La Carrarese capolista, infatti, si è arenata sull’ostico campo della Pro Vercelli, dal quale è uscita sconfitta per 3-1. Altra giornata amara anche per il Siena, che non sembra essersi ripreso dal contraccolpo psicologico del mancato ripescaggio in Serie B; i toscani, infatti, sono incappati nel secondo pareggio consecutivo, in questo caso contro un Arezzo rimasto addirittura in nove uomini. Classifica che rimane comunque corta, con tutte le big del campionato che non hanno ancora avuto la forza per allungare sulle inseguitrici e sulle outsider. 

Risultati: Pro Vercelli-Carrarese 3-1; Pontedera-Olbia 2-1; Lucchese-Cuneo 1-1; Pisa-Alessandria 0-0; Arzachena-Albissola 1-0; Siena-Arezzo 0-0; Piacenza-Novara 0-3; Gozzano-Pro Piacenza 0-3; Juventus U23-Pro Patria 2-0.

Classifica: Carrarese, Pro Piacenza* 10; Piacenza* 9; Arezzo* 8; Juventus U23, Pontedera* 7; Pro Vercelli*, Lucchese, Olbia 6; Alessandria*, Pisa* 5; Novara** 4; Entella*, Pro Patria*, Arzachena** 3; Siena**, Pistoiese, Cuneo*, Gozzano 2; Albissola* 0. 

GIRONE B - Il Pordenone, sempre più sorpresa stagionale, resta in vetta alla classifica grazie al pareggio esterno sul campo dell’Imolese. Anche il Monza del neo-presidente Berlusconi non va oltre il pari nella sfida sul campo della Sambenedettese, che dopo l’ottima stagione dello scorso anno sta scontando una partenza al rallentatore in questo campionato. Il Girone rimane comunque estremamente equilibrato anche in prospettiva futura, con la sensazione che manchi una squadra capace di dare uno strappo al campionato, che difficilmente vedrà una squadra in fuga sulla falsa riga di quanto successo lo scorso anno con il Padova.
Risultati: Sambenedettese-Monza 1-1; Triestina-Virtus Verona 2-0; Ternana-Renate 1-1; Vicenza-Vis Pesaro 2-1; Giana Erminio-Rimini 2-2; Feralpisalò-Teramo 3-1; Südtirol-Albinoleffe 0-0; Imolese-Pordenone 1-1; Gubbio-Fano 0-0; Fermana-Ravenna 0-2.

Classifica: Pordenone 11; Triestina, Monza, Fermana 10; Vicenza 9; Südtirol 8; Imolese, Ravenna 7; Rimini* 6; Renate, Giana Erminio, Vis Pesaro 5; Gubbio, Albinoleffe, Feralpisalò* 4; Fano*, Sambenedettese, Teramo, Virtus Verona 3; Ternana*** 2.

GIRONE C - Il Catania trova la seconda, rotonda, vittoria consecutiva e si porta a quota 6 in due partite; gli etnei hanno aperto la rincorsa al Trapani, bloccato sullo 0-0 dal Monopoli, che guida la classifica con 13 punti. Insegue a breve distanza anche la Juve Stabia, protagonista di una vittoria di spessore nel big match contro il Rende, che sembra avere tutte le carte in regola per lottare con le due siciliane. Il Catania resta chiaramente la principale candidata alla vittoria finale del Girone, anche se sarà fondamentale non perdere punti nella delicata sfida della prossima settimana contro la Casertana, protagonista di un buonissimo campionato fino a questo punto. 

Risultati: Monopoli-Trapani 0-0; Cavese-Sicula Leonzio 0-0; Virtus Francavilla-Casertana 1-2; Catania-Vibonese 2-0; Bisceglie-Matera 1-0; Potenza-Paganese 1-1; Juve Stabia-Rende 2-1.

Classifica: Trapani 13; Juve Stabia* 12; Rende, Casertana 9; Bisceglie*, Sicula Leonzio* 7; Catania**, Catanzaro* 6; Monopoli*, Cavese* 5; Rieti*, Vibonese 4; Siracusa*, Virtus Francavilla*, Matera*, Reggina** 3; Potenza* 2; Paganese* 1; Viterbese*** 0.