Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Calciomercato.com ha aggiornato la propria Privacy Policy in funzione della nuova legge europea, la General Data Protection Regulation (GDPR).

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

'Essere Borja Valero': con l'Inter il remake di 'Essere John Malkovich'
06/01/2018, 22:00
di Angelo Taglieri
"Un angolo per chi ha la visione del calcio di Nick Hornby, per chi vive la partita come un film, per chi reputa Babangida il miglior calciatore della storia. Un piccolo mondo per chi non ha scritto calcio con il pallone tra i piedi, ma con una penna tra le dita, una telecamera sulla spalla o un joystick in mano, per quelli cresciuti a pane, nutella e Holly e Benji . Il calcio visto con gli occhi, e gli occhiali, del Nerd".

Una foto da locandina, che ricorda una locandina. Quella di un film, uscito nel 2000, ambientato nella mente di John Malkovich. Sì, perché al settimo piano e 1/2 di un grattacielo situato a New York, il burattinaio Craig Shwarz scopre un passaggio, stretto, che conduce direttamente alla testa del famoso attore statunitense, dove puoi restare un quarto d'ora, prima di venir espulso in un fosso del New Jersey. 200 dollari per 15 minuti, 200 dollari per essere John Malkovich. Fino a quando lo stesso non se ne accorge. E cosa succede se John Malkovich entra in John Malkovich? Semplice: tutti hanno l'aspetto di John Malkovich, tutti sanno dire una sola parola, Malkovich. Un po' come successo ieri a Firenze, in quel Franchi che ha allargato le braccia per accogliere Borja Valero: tanti avevano il volto di Borja, tutti spendevano parole d'amore per Borja QUESTA E' CASA TUA - A Firenze era il sindaco, come era stato definito dai tifosi; ieri, con l'Inter, un avversario che, in realtà, non sarà mai tale: applausi, striscioni, maschere, come testimoniato dalla moglie, Rocio Rodriguez, su Instagram. Ci voleva un cunicolo stretto per entrare nella mente di John Malkovich per un quarto d'ora, è bastato dare tutto se stessi ogni volta che si scendeva in campo con la maglia viola per entrare nel cuore della Fiesole. Per sempre. Le coordinate di Firenze tatuate sul braccio destro, la fascia tricolore da sindaco con la sfida lanciata a Nardella (primo cittadino della città toscana) su Instagram, l'emozione di ieri sera dopo una sfida, terminata 1-1, sottotono: un legame che va al di là di quello semplice tra città e giocatore. Tutti, pagando 200 dollari, potevano essere John Malkovich. Uno solo potrà essere Borja Valero. E il pubblico viola, questo, lo sa.

"Una società di pagliacci non riconosce un uomo vero...Bentornato Borja Valero!".
"Borja esta siempre es tu casa
".
 
Angelo Taglieri

Le più commentate
20/07
4
Mr. Li, lettera contro Elliott: 'Fondo avvoltoio, non è davvero interessato al Milan. Ho versato 880 milioni nel club'
20/07
3
Licenziato troppo tardi, Conte fa causa al Chelsea
20/07
3
Milan, incontro per Benzema: c'è il sì dell'attaccante al trasferimento
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.