Allungare le rotazioni con i disponibili oggi, prepararsi al mercato per regalarsi un nuovo tassello a centrocampo. Conte e l'Inter hanno tracciato la linea da seguire per quanto riguarda i prossimi mesi, la sconfitta interna nello scontro diretto con la Juve ha evidenziato i limiti della rosa e, soprattutto, come al momento le alternative in mediana (Vecino, Gagliardini) non offrano le stesse garanzie e lo stesso rendimento del trio titolare Barella-Brozovic-Sensi. Urge un ritocco e mentre si il futuro di Borja Valero, che potrebbe salutare e liberare spazio, Ausilio e Marotta sondano il mercato, tra potenziali occasioni e sogni in piena regola.

CACCIA ALL'OCCASIONE - Nella prima categoria potrebbe clamorosamente rientrare Ivan Rakitic, sempre più ai ferri corti con Valverde a Barcellona. "Ho voglia di giocare e non solo passeggiare per le vie della città o andare al mare. Ho parlato con la dirigenza: tutti sapevano che avevo altre opzioni, non era un segreto, ma sono rimasto. Se le cose non dovessero cambiare ci siederemo nuovamente al tavolo per discutere del mio futuro". Parole dure quelle del croato, ai margini del progetto blaugrana e alla ricerca di una nuova avventura. Non nome nuovo per l'Inter, che già lo aveva corteggiato in estate, pronto a tornare di moda tenendo però bene a mente che il contratto che lo lega al Barça fino al 2021 può costituire un ostacolo importante. Più semplice invece potrebbe essere arrivare a Nemanja Matic, in rotta totale con il Manchester United e in scadenza al termine della stagione: salvo ribaltoni in panchina, al momento Solskjaer resiste, e un dietrofront della società e dello stesso serbo non ci sarà rinnovo e l'addio potrebbe essere anticipato a gennaio, a cifre più abbordabili rispetto a quelle preventivabili per Rakitic. Verso il definitivo tramonto invece la pista che portava ad Arturo Vidal, pallino di Conte ma ora tornato protagonista a Barcellona. SOGNI - Dalle occasioni di lusso ai sogni in piena regola, obiettivi di primo piano sui quali tuttavia l'Inter ragiona più a lungo termine, per la prossima estate. In cima alla lista di Marotta c'è sempre un nome cerchiato di rosso, Sergej Milinkovic-Savic. Il rinnovo con la Lazio fino al 2024 è già cosa fatta e mette al riparo i biancocelesti per gennaio, ma che il serbo possa lasciare la Capitale al termine della stagione è uno scenario sempre d'attualità: Lotito è sempre stato chiaro, al giusto prezzo potrà partire e con il prolungamento (e prestazioni tornate su buoni livelli) il costo del cartellino è destinato a lievitare. Milinkovic la prima scelta, ma i nerazzurri cominciano a pensare anche al dopo Brozovic e cercano linfa fresca per la cabina di regia. Anche qui, il profilo è già stato individuato: come appreso da Calciomercato.com, gli scout interisti sono sempre presenti alle partite del Brescia per osservare da vicino Sandro Tonali, classe 2000 che fa impazzire le big estere (PSG, Man United e Borussia Dortmund su tutte) e quelle italiane (Juve, Roma, Milan). L'Inter non è rimasta indifferente alle prestazioni del giovane regista e se intavolare con Cellino un discorso per l'inverno è una mission impossible, l'idea di inserirsi nell'asta estiva è al vaglio della dirigenza nerazzurra. Oggi e domani, l'Inter si prepara a ritoccare e ridisegnare il centrocampo.

@Albri_Fede90