Juventus-Young Boys 3-0

JUVENTUS

Sczesny s.v: festeggia la presenza numero 50 in Champions facendo lo spettatore di un facile successo.   
Barzagli 7: torna titolare con i gradi di capitano governando senza problemi la fascia destra. 
Bonucci 7: si presenta subito con il lancio lungo che manda in gol per la prima volta Dybala. 
Benatia 7: rilanciato grazie al turnover non concede spazio a nessuno.  
Cuadrado 7: sprinta alla sua maniera sulla destra dimostrando di voler tornare titolare. 
Matuidi 7: si conferma uno dei pochi insostituibili. Dal suo gran tiro respinto dal portiere arriva il raddoppio di Dybala. E così sul 2-0, dopo l’intervallo, può lasciare il posto a Emre Can (dal 1's.t. Emre Can 6: voto più basso degli altri soltanto perché entra quando la partita è già chiusa).
Pjanic 7: la solita elegante e precisa regia con crescente autorità. Risparmiato a 20’ dalla fine (dal 35’ s.t. Khedira s.v: rileva Pjanic negli ultimi 10’).     
Alex Sandro 6,5: spinta e cross dalla fascia sinistra anche se a volte pasticcia un po’.
Bernardeschi 7: sacrificato contro il Napoli, gioca tra le linee cercando subito il gol ma il suo primo tiro è respinto dopo un quarto d’ora e la successiva punizione è fuori misura. Cresce, però nella ripresa ed è bravissimo quando smarca Dybala che colpisce il palo. 
Mandzukic 6: sembra orfano tatticamente di Ronaldo. Rimane quasi sempre a sinistra, lasciando spazio e gol al centro a Dybala, confermandosi un gregario extralusso, spalla ideale per qualsiasi attaccante (dal 72’ s.t. Kean s.v. : rileva Mandzukic partecipando alla festa finale, cercando invano il gol).
Dybala 8 : chiamiamolo Trybala perché segna una tripletta d’autore e colpisce anche un palo. Diverte e si diverte giocando la sua migliore partita stagionale. Ma a scanso di equivoci, il merito è tutto suo e non dell’assenza di Ronaldo.
All. Allegri 7: senza lo squalificato Ronaldo, conferma Dybala al fianco di Mandzukic con Bernardeschi a supporto, operando un perfetto turnover negli altri reparti, grazie a un organico invidiabile per quantità e qualità.  YOUNG BOYS

Von Ballmoos 5: non esente da colpe sul secondo gol, bravo a evitare il terzo a inizio ripresa. 
Schick 5: pasticcia come gli altri in una serata da incubo.
Camara 4: grave errore sul primo gol che condanna subito gli svizzeri. Sbanda al centro della difesa e nel giro di pochi minuti rimedia due gialli che gli costano una meritata espulsione a 11’ dalla fine.   
Von Bergen 5: capitano con grande esperienza fatica a chiudere gli spazi al centro della difesa e all’inizio della ripresa viene graziato dall’arbitro che non fischia un suo fallo da rigore su Dybala. 
Benito 5,5: limita i danni sulla sinistra, dove incrocia quasi sempre Cuadrado.  
Fassnacht 5: generoso e nulla più.
Sow 5: tanta corsa, ma spesso a vuoto, dall’inizio alla fine.
Sanogo 5: ammonito per un fallo su Pjanic, cerca invano la conclusione da fuori area (Lauper s.v.).
Bertone 5,5: primo ammonito della serata sovrastato dai centrocampisti avversari. 
Sulejmani 5,5: si muove molto cercando invano la conclusione, poi viene sostituito (Ngamaleu 5,5: rileva Sulejmani ma non riesce a fare meglio).    
Hoarau 6: l’unico che prova almeno a tirare in porta. Si vede soltanto a metà ripresa con un destro deviato in angolo.
All. Seoane 5,5: Presenta una squadra tatticamente ordinata che però paga la netta inferiorità tecnica.