Christian Eriksen all'Inter è stato un grande colpo, ma tutt'altro che semplice da raggiungere. Perché vi abbiamo raccontato ogni tappa, ogni passaggio di un'operazione che è decollata a gennaio inoltrato ma parte da lontano; eppure, dal mese di dicembre la Juventus aveva iniziato a ragionare seriamente sul nome di Eriksen. Il danese è sempre stato apprezzato da Fabio Paratici e poteva rispondere alle caratteristiche ideali per Sarri; la Juve però ha mosso i suoi passi solo in vista di giugno a parametro zero, non per gennaio come invece l'Inter ha fatto al punto da acquistare subito l'ex Ajax.


Ascolta "La Juve aveva una strategia su Eriksen: la chiave per l'Inter è stata Kulusevski" su Spreaker.


CHIAVE DEJAN - Marotta e Ausilio sono riusciti a sbloccare e completare un'operazione complessa, ma la chiave per l'Inter è stata l'acquisto di Dejan Kulusevski da parte della Juventus. La dirigenza nerazzurra era convinta di avere in pugno lo svedese per giugno, il blitz della Juve è stato un colpo pesante da digerire ma cui l'Inter ha voluto rispondere in maniera forte, decisa. Perché i nerazzurri in quel momento hanno deciso di contrattaccare e fare uno sforzo per prendere Eriksen immediatamente, andando a trattare con il Tottenham che si è confermato osso durissimo: una risposta di alto livello all'operazione Kulusevski su cui l'Inter lavorava da tempo, evitando per di più che la Juve potesse chiudere il colpo Eriksen a parametro zero per l'estate dopo aver bloccato lo svedese dall'Atalanta. La proposta di Paratici per Christian era pronta, l'Inter ha scelto di chiudere subito per regalarsi un grande acquisto. Il primo round è andato, un colpo per uno. Ma in estate Juve e Inter si sfideranno ancora...