Vorremmo mostrarti le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.

Scorrendo la pagina o cliccando il pulsante "ho capito" acconsenti all'uso dei cookie e accetti la privacy policy.

La lezione di Spalletti a Lotito: la chiave di Lazio-Inter è de Vrij
C'è chi può e c'è chi deve. C'è chi può lasciare fuori de Vrij in una partita difficile e importante perché teme che possa soffrire qualche fischio dei suoi vecchi tifosi, e c'è chi deve farlo giocare nella sfida della vita - quella che vale la Champions - benché sappia che sarà condizionato perché dal giorno successivo indosserà le maglie degli avversari. Il primo ha Miranda e Skriniar, il secondo ha Bastos e Wallace.

Il solco che esiste tra Inter e Lazio, in fondo, è qui dentro, in questa differenza di qualità che esisteva già nella scorsa stagione - quando arrivarono a disputarsi il quarto posto allo sprint - ed è ancora più marcata adesso che i nerazzurri si sono rafforzati e i biancocelesti no (perdendo tra l'altro proprio de Vrij, volato dai rivali).
L'Inter ha dominato la Lazio essenzialmente perché è più forte, e nemmeno di poco, e poi anche perché in questo momento la tendenza delle due squadre è opposta: i nerazzurri volano tutti, con l'eccezione di Nainggolan; i biancocelesti zoppicano assai, chi in senso fisico (Leiva, Badelj) e chi simbolico (Milinkovic, Luis Alberto).

Spalletti ha una grande squadra, che adesso sta facendo funzionare a meraviglia e anche giocare bene, mentre Inzaghi fa un piccolo miracolo a rimanere aggrappato lassù, al vertice. Si rassegni Lotito, convinto di avere consegnato al suo allenatore "una squadra più forte dieci volte di tutte le altre": non è così, perché c'è chi può e c'è chi deve.
Stefano Agresti

Tutte le ultime sulla tua squadra sulle nostre app, scegli la tua: Android iOS Windows Phone
Le più commentate
22/01
159
di Emanuele Tramacere
Piatek al Milan, tutte le cifre a bilancio: l'affare è sostenibile, almeno per ora
22/01
59
di Pasquale Guarro, inviato
Tonali: 'Mi ispiro a Modric, tifo Milan. Allenato da Gattuso? Sarebbe bello'
22/01
57
di Daniele Longo
MILAN, E' FATTA PER PIATEK A TITOLO DEFINITIVO: I DETTAGLI
Commenti
Devi inserire un contenuto al tuo commento prima di inviarlo!
Grazie per averci inviato il tuo commento. È stato ricevuto e verrà valutato. Se sarà ritenuto pubblicabile sarà online a breve. Il sistema non accetta pubblicazioni ripetute dello stesso commento, ti chiediamo quindi di evitare di inviarlo nuovamente.

Hai mai pensato di aprire un blog su Vivoperlei? Scrivi il tuo articolo, potresti vincere un premio ogni settimana!

Chiudi e non mostrare più Apri un Blog su VXL
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.